Cronaca
Montagna

In montagna nonostante la minaccia del temporale, si perde sul Grignone: salvato dal Soccorso Alpino

I soccorritori hanno individuato il giovane disperso, poi lo hanno caricato sull'elicottero per il trasporto all'ospedale Manzoni di Lecco. 

In montagna nonostante la minaccia del temporale, si perde sul Grignone: salvato dal Soccorso Alpino
Cronaca Lago, 28 Giugno 2022 ore 19:35

In montagna nonostante la minaccia del temporale, si perde sul Grignone: salvato dal Soccorso Alpino. Intervento nel pomeriggio di oggi, martedì 28 giugno 2022  per il Soccorso Alpino, Stazione di Valsassina e Valvarrone della XIX Delegazione Lariana. L’attivazione è giunta verso mezzogiorno: due escursionisti stavano scendendo dalla cima della Grigna Settentrionale (Grignone) in direzione Cainallo. A un certo punto si sono divisi e uno di loro sotto il rifugio Bogani ha perso l'orientamento.

LEGGI ANCHE In arrivo forti temporali e grandinate: a Lecco scatta l'allerta meteo arancione

In montagna nonostante la minaccia del temporale, si perde sul Grignone: salvato dal Soccorso Alpino

Mentre cercava di ritornare sulle tracce del sentiero è scivolato per alcuni metri, procurandosi delle lesioni alla mano e a una gamba. L'elisoccorso di Sondrio di Areu - Agenzia regionale emergenza urgenza, nonostante l’imminenza di un temporale si è portato immediatamente in zona per individuare l'escursionista.

Oltre all’équipe a bordo dell’elicottero, sono state attivate anche due squadre della Stazione di Valsassina e Valvarrone, che si sono avvicinate a piedi al luogo dell'incidente, salendo da Cortenova e da Esino Lario. I soccorritori hanno individuato il giovane disperso, poi lo hanno caricato sull'elicottero per il trasporto all'ospedale Manzoni di Lecco.

Il meteo e i consigli del Soccorso Alpino Nazionale

Tra oggi e domani sono 19 le aree del Paese con bollino rosso, massimo livello di allerta per un'ondata di calore. In queste giornate di caldo torrido si raccomanda di astenersi dall'affrontare salite eccessivamente impegnative, specialmente sui versanti completamente esposti al sole e privi di fonti di approvvigionamento di acqua. I percoli dovuti al caldo, quali i colpi di calore e gli sfinimenti sono dietro l'angolo e possono risultare fatali in ambiente impervio, dove il fisico è sollecitato oltremodo e dove è richiesta la massima attenzione. Prima di partire per un'escursione, che sia in montagna o al mare per raggiungere una spiaggia isolata, è bene informarsi sempre sulla presenza di fonti d'acqua e sul loro stato. Si deve cercare di partire alle prime ore del mattino, evitando di camminare nelle ore più calde, portando sempre con sé nel proprio zaino almeno 2,5 litri d'acqua a testa, frutta fresca, accessori adeguati per coprirsi dal sole (cappello, telino, ecc.), occhiali e creme protettive. Sembrano consigli banali ma le statistiche dicono altro.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter