Cronaca
Tribunale del Riesame

Il rapper Baby Gang torna libero

Le vittime delle rapine di Milano potrebbero  avrebbero confuso Baby Gang in fase di riconoscimento.

Il rapper Baby Gang torna libero
Cronaca Lecco e dintorni, 10 Febbraio 2022 ore 15:44

Zaccaria Mouhib, ovvero il rapper lecchese Baby Gang, agli arresti  dallo scorso 20 gennaio 2022,  torna libero ed esce dal carcere di San Vittore. Lo ha stabilito oggi, giovedì 10 febbraio 2022 il tribunale del Riesame di Milano  che ha deciso di accogliere la richiesta di scarcerazione che era stato avanzata del suo difensore, l'avvocato Niccolò Vecchioni. E' stata quindi annullata l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudici per le indagini preliminari  Manuela Scudieri su richiesta del  Pubblico ministero Leonardo Lesti.

Il rapper Baby Gang torna libero

Baby Gang era stato arresto  con l'accusa di aver messo a segno alcune rapine nel capoluogo lombardo insieme ad Amine Ez Zaaraoui, vero nome del rapper Neima Ezza e a Samuel Matthew Dhahri.

Mouhib "è un cantante noto tra i giovani della fascia di età cui appartengono le persone offese e la familiarità con il suo volto potrebbe aver condizionato le parti lese in sede di riconoscimento". Questa la posizione dei Giudici del Tribunale del Riesame che ha spinto quindi per l'apertura delle porte del carcere. In altre parole le vittime delle rapine di Milano potrebbero  avrebbero confuso Baby Gang in fase di riconoscimento.

Il collegio giudicante inoltre avrebbe  nella ricostruzione dei fatti e nel coinvolgimento del rapper lecchese dei "profili di lacunosità e debolezza" tali da "non permettere di ritenere integrato un quadro indiziario" caratterizzato "da quella gravità richiesta per l'applicazione di misure cautelari".

 

Si era sempre dichiarato innocente

Il rapper davanti agli inquirenti aveva sostenuto che la sera del 12 giugno, data di uno degli episodi violenti che gli vengono contestati, non era a Milano, bensì era in autostrada diretto a Rimini. A riprova della sua posizione i legali del giovane avrebbero prodotto dei post pubblicati dal rapper sui social.

Intanto è stata rinviata al 10 marzo l'udienza per la richiesta elaborata dalla Questura di Sondrio di sottoporre a sorveglianza speciale per due anni Baby Gang.

Foto di copertina tratta dal profilo Instagram di Baby Gang

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter