Cronaca
Orrore

Il kit del suicidio venduto in Italia: indagini a Lecco

Una storia che mette i brividi e che parte dall'arresto da parte della polizia di Peel di Kenneth Law, 57enne  sedicente chef canadese, che avrebbe spedito i kit a base di nitrito di sodio da un ufficio postale di Toronto. 

Il kit del suicidio venduto in Italia: indagini a Lecco
Cronaca Lecco e dintorni, 04 Maggio 2023 ore 10:18

Nove persone in Italia hanno acquistato su Internet  un kit del suicidio a base di nitrito di sodio venduto dal Canada.  L'Interpol ha segnalato nove indirizzi in Italia a cui è stato spedito dal Canada il kit per il suicidio, tra i quali figura anche quello della 63enne trentina. Tutte le persone sono state rintracciate dopo l'allerta diramata dalla Direzione centrale della polizia criminale alle questure e alle compagnie dei carabinieri.  Tra le province interessate purtroppo anche quella di Lecco oltre a   Roma, Milano, Napoli, Monza, Caserta, Bologna, Trento e Pavia.

Il kit del suicidio venduto in Italia: indagini a Lecco

Una storia che mette i brividi e che parte dall'arresto da parte della polizia di Peel di Kenneth Law, 57enne  sedicente chef canadese, che avrebbe spedito il kit a base di nitrito di sodio da un ufficio postale di Toronto. Dopo l'arresto Law avrebbe ammesso di aver spedito il suo kit a centinaia di inglesi con tendenze suicide. Quattro al momento sarebbero le morti sospette nel Regno Unito, tra cui quella di un ragazzo di 22 anni.  E nove kit sarebbero stati venduti anche nel nostro Paese sotto forma di "maschere facciali".

Kit del suicidio: come funziona

Il nitrito di sodio è una sostanza bianca e cristallina usata come additivo alimentare e che si trova comunemente nelle carni lavorate.

Il consumo intenzionale di determinate quantità può ridurre i livelli di ossigeno, compromettere la respirazione e provocare dunque la morte.

Secondo le informazioni diffuse dall'Interpol canadese, sarebbero come detto nove le persone che hanno acquistato il kit in Italia.

La polizia regionale di Peel he invitato a segnalare alle autorità i pacchi ricevuti attraverso acquisti online provenienti dalle seguenti aziende:

  • Imtime Cuisine
  • AmbuCA
  • Academic/ACademic
  • Escape Mode/ escMode
  • ICemac.

 

Una vittima in Italia

A farne uso sarebbe stata una donna di 63 anni residente in Valsugana, deceduta nonostante la chiamata disperata dei familiari al 118 e un tentativo di ricovero in ospedale.

La Procura di Trento ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, al momento contro ignoti. Dalle prime informazioni, la donna è stata trovata nel suo letto, con accanto una lettera dove spiegava come aveva fatto a togliersi la vita e un biglietto destinato ai familiari, in cui si diceva dispiaciuta per il gesto e spiegava: “Sono troppo malata, troppo dolore, non avevo altra scelta”.

Seguici sui nostri canali