Menu
Cerca
Confcommercio Lecco

Il grido d’allarme dei grossisti alimentari: “Siamo stati dimenticati”

A lanciare l'allarme è il presidente del Gruppo di Confcommercio Lecco, Roberto Tentori.

Il grido d’allarme dei grossisti alimentari: “Siamo stati dimenticati”
Cronaca Lecco e dintorni, 28 Aprile 2020 ore 12:38

Sono davvero tantissime, se non quasi tutte, le categorie del commercio che sono state toccate dall’emergenza Coronavirus. Tra queste ce n’è una che sicuramente sta facendo i conti con la crisi, ma non ha avuto molta visibilità: quella dei Grossisti alimentari.

LEGGI ANCHE FASE 2: dal 4 maggio si potranno rivedere (non riabbracciare) i parenti. Riaprono i parchi ma con ingressi contingentati

Il grido d’allarme dei grossisti alimentari: “Siamo stati dimenticati”

 

A lanciare l’allarme è il presidente del Gruppo di Confcommercio Lecco, Roberto Tentori: “Stiamo vivendo una situazione davvero pesante. A parte quelle realtà che fanno consegne ai negozi di alimentari, riusciamo a lavorare solo con i privati, a cui possiamo portare i nostri prodotti domicilio. Ma si tratta di una quota del fatturato contenuta per tutti. Il nostro mercato di riferimento ovvero bar e ristoranti invece è chiuso da oltre due mesi e fino a giugno queste realtà non apriranno. La primavera e l’estate sono i nostri momenti forti e sono di fatto stati spazzati via per questo 2020. Se poi consideriamo che l’estate è anche il periodo in cui si svolgono feste, sagre ed eventi all’aperto che richiamano tantissime persone e che richiedono le nostre forniture… si capisce la drammaticità della situazione che stiamo vivendo”. E continua: “Finora però non siamo stati minimamente considerati. Invece chiediamo attenzione anche noi: chi garantisce gli approvvigionamenti del settore Horeca va tutelato. Siamo praticamente fermi e con poche prospettive, ecco perchè chiediamo una risposta dal Governo. Noi grossisti siamo davvero molto preoccupati”.