Cronaca
Valmadrera

Il grazie di Valmadrera a don Tommaso Nava

Il sacerdote lecchese partirà il prossimo novembre per la missione diocesana di Pucallpa in Perù.

Il grazie di Valmadrera a don Tommaso Nava
Cronaca Lecco e dintorni, 26 Ottobre 2021 ore 11:54

Il campo sintetico di calcio dell’oratorio in via Bovara 11, tribuna e panchine comprese, si sono riempiti di valmadreresi domenica 24 per l’ultima Messa di don Tommaso Nava in città. Il sacerdote lecchese partirà il prossimo novembre per la missione diocesana di Pucallpa in Perù, ai confini della foresta amazzonica e quindi tantissime persone lo hanno voluto ringraziare e salutare.

Il saluto della città a don Tommaso

Ad iniziare dal parroco don Isidoro Crepaldi che ha definito don Tommaso un sacerdote davvero innamorato di Gesù, pieno di slanci ed entusiasmo. A lui si è affiancato don Adelio Brambilla, predecessore di don Isidoro: "E’ stato impossibile litigare con te!”, il suo simpatico saluto assieme a suor Donatella e suor Enrica, che con lui hanno contribuito a rinnovare l’oratorio, superando qualsiasi distinzione tra maschile e femminile.
Il sindaco Antonio Rusconi ha posto invece l’accento sull’impegno per gli ultimi di don Tommaso: “Anche a noi amministratori hai parlato spesso di inclusione sociale, di accoglienza dello straniero, di
fratellanza universale”. Il festeggiato non ha potuto che ringraziare Valmadrera per le tantissime esperienze vissute in dieci anni da coadiutore: “Se parto è colpa vostra perché mi avete dato una così ricca testimonianza di fede e amore che tutto ciò non può non debordare e raggiungere oltreoceano il Perù. Non saremo lontani, quest’affetto, quest’unica Chiesa ci unisce e avvicina”.

Una raccolta viveri per la sua missione in Perù

La festa nel pomeriggio si è trasferita in via dell’Asilo con la palestra trasformata in una grande sala da pranzo, per non parlare dei giochi, dei tanti saluti e abbracci spontanei.
Nel cortile è partita l’operazione Container perché qui si raccolgono prodotti alimentari a lunga conservazione (pasta, riso, scatolame, farina, zucchero, olio...) da spedire dopo Natale alla missione di don Tommaso.


La sfida è lanciata: riempire 300 carrelli da supermercato, 120 quintali di merce segno concreto di solidarietà. I supermercati Eurospin di Malgrate e Md di Viale Promessi sposi hanno dato la loro disponibilità per una zona alle casse che funge da punto di raccolta: chi entra e fa la spesa può lasciare lì le confezioni da donare alla parrocchia. Anche il supermercato Sigma di viale Promessi sposi collabora all’operazione container mettendo in vendita pacchi di prodotti pronti per essere direttamente consegnati in via dell’Asilo.
Nella serata di sabato 23 un pullman aveva accompagnato don Tommaso in Duomo, dove durante la veglia missionaria diocesana, l’Arcivescovo aveva consegnato il Crocefisso ai missionari in partenza e don Tommaso ha avuto modo di portare la propria testimonianza a circa 300 19enni convocati dall’Arcivescovo per il rito della Redditio Symboli.