Menu
Cerca
Valsassina

Il dramma si è trasformato in tragedia: trovato morto l’escursionista disperso

I soccorritori impegnati nelle ricerche di Paolo Bortolato, 57 anni, residente ad Agliate, nel Caratese in provincia di Monza e Brianza, hanno individuato il corpo senza vita  dell'uomo.

Il dramma si è trasformato in tragedia: trovato morto l’escursionista disperso
Cronaca Valsassina, 22 Febbraio 2021 ore 12:18

Il dramma si è trasformato in tragedia: trovato morto l’escursionista disperso. Nella mattinata di oggi, lunedì 22 febbraio 2021, il tragico epilogo: i soccorritori impegnati nelle ricerche di Paolo Bortolato, 57 anni, residente ad Agliate, nel Caratese in provincia di Monza e Brianza, hanno individuato il corpo senza vita  dell’uomo  nel canale della Val Bona.

Il dramma si è trasformato in tragedia: trovato morto l’escursionista disperso

Grande appassionato di montagna, escursionista esperto e coscienzioso, ieri, domenica 21 febbraio 2021 aveva deciso di effettuare una escursione in solitaria in Valsassina. Ben equipaggiato era partito alla volta di Introbio. Lì aveva lasciati l’auto e si era avventato lungo i sentieri della Val Biandino, diretto presumibilmente al rifugio Grassi, situato a 1.987 metri di quota.

Nel pomeriggio però, qualcosa durante l’ascesa è andato storto.  L’uomo ha chiamato il 112 spiegando di essersi infortunato ma non sapeva indicare la sua posizione esatta.

In soccorso  del disperso sono partiti gli uomini della XIX Delegazione lariana ma il rilevamento della posizione del telefono attraverso le celle telefoniche non ha permesso di restringere l’area d’intervento e quindi i volontari  lo hanno cercato in alcune zone prioritarie.

4 foto Sfoglia la gallery

Circa 25 soccorritori della XIX Delegazione Lariana hanno setacciato  una zona molto impervia e con condizioni ambientali particolarmente complesse.  A un certo punto ieri, è anche girata la voce non confermata del ritrovamento di uno zaino e di una giacca a vento.

Le operazioni di ricerca sono proseguite fino alla tarda serata, poi le condizioni proibitive hanno impedito ai soccorritori di andare oltre. Questa mattina le ricerche sono ricominciate fino al tragico epilogo. La salma è stata avvistata e poi recuperata con il verricello grazie all’elisoccorso di Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza) di Bergamo.