Cronaca
Un gran bell'esempio!

Il Comune offre e consegna il pranzo di Natale agli anziani che non potranno trascorrerlo con i parenti

Mentre a livello nazionale continua la discussione sulle norme che regoleranno la mobilità nel giorno di Natale c'è chi ha deciso di compiere un gesto concreto, reale, tangibile per rendere più dolce il Natale di chi rischia di trascorrerlo in solitudine

Il Comune offre e consegna il pranzo di Natale agli anziani che non potranno trascorrerlo con i parenti
Cronaca Oggionese, 15 Dicembre 2020 ore 15:19

Blindati nel Comune o deroga per uscire? E il limite? 5000 abitanti, 10mila?30 chilometri? La provincia? Oppure tutti in zona rossa o arancione? Il caos, diciamocelo regna davvero sovrano in vista di queste strane feste del 2020. Mentre a livello nazionale continua la discussione sulle norme che regoleranno la mobilità nel giorno di Natale, tra possibili aperture e di contro paventate ulteriori restrizioni per evitare un boom di contagi ,c'è chi ha deciso di compiere un gesto concreto, reale, tangibile per rendere più dolce  il Natale di chi rischia di trascorrerlo in solitudine. A Oggiono infatti il Comune offre e consegna il pranzo di Natale agli anziani che non potranno trascorrerlo con i parenti.

LEGGI ANCHE “Voglio proprio vedere chi avrà il coraggio di multare qui al nord chi esce dal comune per passare Natale con i genitori anziani”

Il Comune offre e consegna il pranzo di Natale agli anziani soli

"A Natale più vicini": questo il titolo dell'iniziativa promossa dall'Amministrazione, diretta dal sindaco Chiara Narciso. "Se hai oltre 75 anni, vivi solo e non potrai trascorrere il Natale con i tuoi cari, vogliamo comunque starti vicino e, se lo desideri, ti offriremo noi il pranzo di Natale portandolo direttamente a casa tua con gli auguri di tutta l’Amministrazione Comunale" fanno infatti sapere dal Comune. Un piccolo grande gesto di vera attenzione nei confronti dei propri cittadini "meno giovani". Tutti gli interessati, per poter  usufruire di questo dono del Comune non dovranno fare altro che alzare il telefono e chiamare i Sevizi Sociali (0341-575310 interno 1) entro giovedì 17 dicembre.