Lecco

Il Comune invita tutti i cittadini a scaricare l’app Immuni

"Con Immuni, spezziamo la catena del contagio - spiegano da Palazzo Bovara -  L'app permette di avvertire gli utenti che hanno avuto un'esposizione a rischio Covid-19".

Il Comune invita tutti i cittadini a scaricare l’app Immuni
Lecco e dintorni, 06 Ottobre 2020 ore 12:17

Il Comune di Lecco , rilanciando la campagna promossa da Anci, invita tutti i cittadini a scaricare l’app Immuni.

LEGGI ANCHE Lecco 11 nuovi casi di Coronavirus, il doppio rispetto ai giorni scorsi

L’importanza di scaricare  l’app Immuni

“Con Immuni, spezziamo la catena del contagio – spiegano da Palazzo Bovara –  L’app permette di avvertire gli utenti che hanno avuto un’esposizione a rischio Covid-19”.

Cosa è Immuni

Immuni è un’app creata per aiutarci a combattere le epidemie, a partire da quella del Covid-19.
Grazie alla funzione di contact tracing digitale, quando un utente scopre di essere positivo al virus, Immuni gli consente di allertare in modo anonimo le persone con cui è stato a stretto contatto, e che potrebbe quindi aver contagiato, se anche loro hanno installato la app.
Venendo informate tempestivamente (potenzialmente ancor prima di sviluppare i sintomi del Covid-19), esse possono contattare il loro medico di medicina generale per approfondire la loro situazione clinica ma soprattutto possono evitare di contagiare altri, contribuendo a ridurre la diffusione del coronavirus.

Come funziona

Immuni avverte gli utenti che sono stati a stretto contatto con una persona risultata poi positiva inviando loro un messaggio di allerta che include una serie di consigli su come affrontare la situazione.

Immuni riesce a determinare che è avvenuto un contatto a rischio fra due utenti senza sapere chi siano i due utenti o dove si siano incontrati. L’app non raccoglie dati che permettono di risalire all’identità di chi la usa. Non chiede, né è in grado di ottenere, dati sensibili come nome, cognome, data di nascita, indirizzo, numero di telefono o indirizzo e-mail. Inoltre, per determinare il contatto, Immuni sfrutta la tecnologia Bluetooth Low Energy e non utilizza dati di geolocalizzazione di alcun genere, inclusi quelli del GPS.

Ecco un esempio semplificato di come funziona il sistema di contact tracing di Immuni. Consideriamo Alice e Marco, due ipotetici utenti. Quando è installata sui loro smartphone, Immuni emette un segnale Bluetooth che include un codice casuale. Quando Alice si avvicina a Marco, i loro smartphone si scambiano questi codici e li registrano nella propria memoria, tenendo così traccia di quel contatto. Registrano anche quanto è durato il contatto e la potenza del segnale ricevuto, indicatore approssimativo della distanza tra i due smartphone.

I codici sono generati casualmente e non contengono alcuna informazione sul dispositivo o l’utente. Inoltre, cambiano diverse volte ogni ora, in modo da proteggere ulteriormente la privacy. Non è in alcun modo possibile risalire all’identità dell’utente a partire dai suoi codici casuali.

Supponiamo che, successivamente, Marco risulti positivo al Covid-19. Con l’aiuto dell’operatore sanitario che gli ha comunicato l’esito del test, Marco potrà segnalare la sua positività a Immuni, condividendo i suoi codici casuali e allertando le persone con cui è stato a stretto contatto.

Immuni scarica periodicamente i codici casuali condivisi dagli utenti che sono risultati positivi al virus. Così facendo può controllare se c’è una corrispondenza tra questi codici e quelli registrati nei giorni precedenti. Nel caso del nostro esempio, l’app di Alice troverà il codice casuale di Marco, verificherà se la durata e la distanza del contatto siano state tali da poterlo considerare a rischio e, se questo è il caso, avvertirà Alice.

Finora 7 milioni di utenti l’hanno scaricata. Affinché sia ancora più efficace, è necessario che tutti i cittadini la scarichino.

Dal 17 ottobre 2020 l’Italia sarà fra i primi 3 paesi in Europa collegati con questa tipologia di app (insieme a Irlanda e Germania, gli altri si uniranno fino a dicembre) permettendo di tornare a viaggiare sia per lavoro che per turismo.

Informazioni utili

Info: https://www.immuni.italia.it/faq.html

Verifica la compatibilità con il tuo smartphone.


>
 Per scaricarla: https://bit.ly/ImmuniAppDownload

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia