Mandello

Icma vince il premio Women Value Company della Fondazione Bellisario

"Ringrazio la Fondazione Bellisario per aver voluto valorizzare il lavoro di un’azienda che da sempre ha dato spazio alla creatività, alla tenacia, all’ingegno femminili".

Icma vince il premio Women Value Company della Fondazione Bellisario
Lago, 14 Ottobre 2020 ore 11:13

Ha vinto il Premio Women Value Company-Intesa Sanpaolo dedicato alle imprenditrici e promosso dalla Fondazione Maria Bellisario la Icma Sartorial Paper, azienda di Mandello del Lario, specializzata nella nobilitazione di carta per packaging che collabora quotidianamente con le più grandi maison del lusso e che ha conquistato una nicchia di mercato di prestigio, arrivando a “rivestire” i regali di Papi e capi di Stato e diventando punto di riferimento per chi cerca prodotti innovativi ed ecosostenibili.

Icma vince il premio Women Value Company della Fondazione Bellisario

Il riconoscimento della Fondazione Bellisario è dedicato alle piccole e medie aziende che si sono distinte nel campo della parità di genere, sia con politiche e strategie di sviluppo e promozione delle carriere femminili, sia con azioni innovative ed efficaci di welfare aziendale. Sono state 900 le aziende che si sono autocandidate nel 2020 in tutta Italia, 90 le finaliste. Ad aggiudicarsi la Mela d’Oro della IV Edizione del Premio Women Value Company sono state due aziende, tra cui Icma Sartorial Paper. La “Mela d’Oro”, simbolo del premio della Fondazione Bellisario, sarà consegnata domani 15 ottobre, a Elena Maria Carla Torri, amministratore delegato di Icma negli Studi Rai Fabrizio Frizzi di Roma, nel corso di una cerimonia che sarà trasmessa sabato 17 ottobre, in seconda serata su Rai 1.

L’azienda è cresciuta con l’esempio di donne determinate

“Ringrazio la Fondazione Bellisario per aver voluto valorizzare il lavoro di un’azienda che da sempre ha dato spazio alla creatività, alla tenacia, all’ingegno femminili – commenta Elena Maria Carla Torri – e che porta con sé l’impronta delle donne che si sono succedute alla guida di Icma”. Torri ha raccolto l’eredità della sua bisnonna Matilde Carcano, una delle prime donne imprenditrici italiane, che ha fondato la Icma nel 1933. Con lei è entrata in azienda la quarta generazione di donne della famiglia: “Sono cresciuta con l’esempio di donne determinate – dice Torri – che hanno aperto e guidato aziende quando ancora non avevano il diritto di voto, che hanno saputo tenere testa a quasi un secolo di cambiamenti sociali in cui l’essere essere donna a capo di un’azienda era tutt’altro che scontato”.

Matilde Carcano è ricordata tra le altre cose per l’attenzione data alla formazione delle proprie dipendenti; l’istruzione come valore è stato un caposaldo anche per la nipote Silvia Buzzi, per iniziativa della quale da oltre vent’anni la Icma consegna borse di studio ai figli dei dipendenti. Ha accomunato le donne alla guida di Icma anche una propensione all’innovazione tecnologica, a partire dalla svolta data a metà degli anni ’50 dalla figlia di Matilde Carcano, Elena Bianchi. Sei anni fa Elena Maria Carla Torri è stata nominata AD e grazie al suo lavoro negli ultimi anni l’azienda è cresciuta come numero dipendenti e quote di mercato raddoppiando il proprio fatturato. Torri ha investito negli ultimi anni per innovare le carte Icma in modo che bellezza e sostenibilità, sociale e ambientale, potessero camminare di pari passo. Icma ha così inaugurato negli ultimi mesi il laboratorio Icma 2030-Lab  (che nel nome richiama gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo Sviluppo Sostenibile) dando vita ad un programma di ricerca volto ad adottare buone pratiche in fatto di sostenibilità aziendale, di prodotto e di processo, per una nuova stagione di ricerca e creatività nella lavorazione superficiale di carta e cartone.

Nel 2020 ottenuto anche lo stato di B Corp

Nel corso di un anno complicato, il 2020 segnato dalla pandemia, l’azienda ha ottenuto lo status di B Corp®, Icma è la prima B Corp® italiana ed una delle prime al mondo nel settore cartario. “Le diverse generazioni di donne che si sono susseguite alla guida di Icma hanno sempre inteso l’attività imprenditoriale come strumento per contribuire allo sviluppo della collettività – dice Elena Maria Carla Torri –  Questo impegno è alla base della certificazione B Corp®, risultato di un rigoroso processo di valutazione delle iniziative messe in atto volontariamente in difesa dell’ambiente, per il benessere dei lavoratori, per il ruolo nella comunità, per una governance etica, responsabile e trasparente”.

In questo contesto, l’imprinting femminile che caratterizza la storia di Icma si è naturalmente riproposto a tutti i livelli dell’organizzazione: dalla proprietà ai collaboratori, interni ed esterni, le donne rappresentano la maggioranza. “La parità di genere in azienda si ottiene a partire dalla valorizzazione delle competenze e delle qualità che ogni nuova persona scelta per lavorare in Icma può portare – continua Torri –  Le nostre proposte di welfare (dai premi di risultato ai permessi per l’assistenza a famigliari fino alla flessibilità di orario) sono rivolte a tutti i dipendenti senza distinzioni, solo così si va oltre il concetto di inclusività e la promozione delle carriere femminili è una naturale conseguenza di un’organizzazione che punta al benessere di tutti i propri dipendenti”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia