La situazione nel Valmadrerese

I valmadreresi possono tornare (a piedi) a San Tomaso. A Civate sindaco orientato a riaprire i sentieri ai residenti

Fase 2 da lunedì 4 maggio

I valmadreresi possono tornare (a piedi) a San Tomaso. A Civate sindaco orientato a riaprire i sentieri ai residenti
Lecco e dintorni, 01 Maggio 2020 ore 11:04

Sarà possibile fare due passi in montagna da lunedì? Una domanda che si stanno ponendo in tanti. A Valmadrera l’Amministrazione ha stabilito che i residenti potranno tornare, a piedi, a San Tomaso.

I valmadreresi possono tornare (a piedi) a San Tomaso.

“Da lunedì 4 maggio sarà possibile salire a San Tomaso, solo a piedi,  percorrendo  sia la strada agro-silvo-pastorale che i sentieri , in ogni caso, nel rispetto delle disposizioni dettate dal DPCM 26.4.2020 (divieto di assembramento e rispetto della distanza interpersonale) – spiega il sindaco Antonio Rusconi –  Non sarà comunque possibile accedere  con l’auto a via San Carlo Borromeo e Fraz. Belvedere (accesso consentito solo ai residenti) Come già per l’apertura del parco di via Fatebenefratelli, di quello di via Castagnera e del pratone di Parè, si confida nel senso di responsabilità dei cittadini.In caso contrario l’Amministrazione comunale si vedrà costretta a vietare nuovamente l’accesso a San Tomaso”.

U parchi a Valmadrera

Il sindaco Rusconi ha anche illustrato le decisioni assunte in merito ai parchi comunali e al cosiddetto Partone di Parè. “Il DPCM 26.4.2020 all’art. 1, lett e) consente l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville e ai giardini pubblici, a condizione che venga rispettato rigorosamente il divieto di assembramento e venga rispettata la distanza di sicurezza interpersonale di un metro; prevede  però che le aree attrezzate per il gioco dei bambini (parchi gioco) siano chiuse. Non si potrà pertanto accedere ai parchi gioco di Valmadrera in via Casnedi e in fraz. Sandionigi. Verranno invece  aperti al pubblico il parco di via Fatebenefratelli, quello di via Castagnera e il pratone di Parè, nel quale sarà recintata l’area con i giochi, non usufruibile. Ci auguriamo, soprattutto per la zona di Parè, che vi sia un uso responsabile, altrimenti, visto il permanere dei rischi di contagio, anche quest’area verrà chiusa. Nei giorni dal 5 all’8 maggio, in concomitanza con la chiusura dei parchi gioco, verrà effettuata l’attività di manutenzione e riparazione delle strutture e delle attrezzature presenti. In considerazione della difficoltà di controllarne gli accessi e per evitare rischi di assembramento, con apposita ordinanza verrà invece chiuso il parco del Rio Torto”.

Civate

Anche a l’Amministrazione comunale di Civate  è al momento è intenzionata a riaprire i percosti montani . Lo ha detto il sindaco Angelo Isella rispondendo in rete ai cittadini che chiedevano informazioni. “Il nostro orientamento al momento è di fare un’ordinanza che limiti l’accesso ai sentieri di Civate solo per i residenti di Civate. – ha scritto Isella –  Ovviamente rispettando quanto scritto nel DPCM e cioè che si cammina da soli e massimo in 2 rispettando le distanze e con mascherina. Divieto di picnic. In ogni caso questo è un orientamento e potrò confermare solo attraverso un’ordinanza ufficiale che faremo nel fine settimana anche in seguito alle precisazioni che stiamo aspettando da Prefettura e in coerenza con i comuni vicini”.

(Articolo in aggiornamento)

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia