“Ha tentato di ammazzare mio marito, non perdono Sonya Caleffi”

Parla la moglie di Giuseppe Sacchi, uno dei due pazienti sopravvissuti all’iniezione di aria che gli era stata praticata dall’infermiera killer.

“Ha tentato di ammazzare mio marito, non perdono Sonya Caleffi”
Lecco e dintorni, 16 Luglio 2018 ore 09:35

A settembre, Sonya Caleffi, l’infermiera killer dell’ospedale di Lecco, condannata a 20 anni per l’omicidio di 5 persone (e il tentato omicidio di altre 2) sarà libera. L’ex dipendente dell’ospedale di Lecco, tra indulto e buona condotta uscirà dopo 14 anni. Una notizia che ha sconvolto i parenti delle vittime del cosiddetto angelo della morte. E forse, ancora di più, chi ancora oggi deve convivere con le conseguenze delle azioni della donna.

Sonya Caleffi presto libera

Parla moglie di Giuseppe Sacchi, 84 anni, originario di Galbiate ma ora residente a Mandello. Da 14 anni l’uomo  è sulla sedia  a rotelle dopo  che Sonia Caleffi  gli ha iniettato  una siringa d’aria. Dopo “l’intervento dell’angelo della morte riuscirino a salvare mio marito – racconta Grazia Faggi – Ma a che prezzo: ne è uscito devastato. In realtà non si è mai ripreso del tutto. E’ stato cinque giorni in coma e venti in Rianimazione e poi per quattro mesi è rimasto in ospedale. Da 14 anni è relegato su una sedia a rotelle e mi occupo io di lui, per ogni cosa.

Perdono? Non se ne parla

«Si può perdonare chi si pente, ma quella donna non si è mai pentita. Faggi non è l’unica a dire che è impossibile perdonare l’infermiera. «Non la perdonerò mai. Mi ha tolto una persona cara senza permettermi di accompagnarla nel suo ultimo viaggio tenendole la mano» dice infatti  Ester Goggia, nipote di una delle vittime, Maria Cristina

 

Una pagina speciale sul Giornale di Lecco in edicola da oggi, lunedì 16 luglio. Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia