Menu
Cerca
Lecco

Gesti che commuovono: un intero carrello di spesa donato anonimamente

Una delle tante storie di (stra)ordinaria generosità raccontata da Beppe Mabretti

Gesti che commuovono: un intero carrello di spesa donato anonimamente
Cronaca Lecco e dintorni, 12 Aprile 2020 ore 16:20

Tra iniziative di solidarietà attive nel capoluogo per le persone più fragili, gli over 65, coloro che secondo le statistiche e soprattutto secondo la cronaca che proviene dai nosocomi lecchesi, rischiano di più nell’uscire dalle proprie abitazioni, c’è “ZTL attivo”, servizio dei volontari de La Carovana del Sorriso , che prevede la consegna a domicilio agli anziani di beni di prima necessità (spesa e farmaci) ordinati nei negozi del centro oltre che un servizio di telefono amico per chi si sente solo al numero 351/9260560. Tra gli organizzatori di “ZTL attivo” c’è il Presidente de “La Carovana del Sorriso” Beppe Mambretti.

LEGGI ANCHE Le Forze dell’ordine schierate davanti al Manzoni omaggiano medici e infermieri FOTO E VIDEO

Mambretti come è nata l’idea?

L’idea mi è venuta dopo una videochiamata con gli “angeli” che ospitiamo nel Carovana charity Village di Mabilloni in Tanzania. Lì bambini mi hanno mostrato i disegni di incoraggiamento con la scritta “andrà tutto bene” e a seguito della commozione che mi hanno suscitato, ho avuto l’ispirazione, credo suggerita dalla famosa Provvidenza di manzoniana memoria. Grazie all’aiuto di cinque persone che abitano tra via Cattaneo e Via Cairoli che si son messe a disposizione: chi facendo le consegne, chi il volantino e chi la centrale operativa l’idea è diventata un reale servizio per la comunità.

Chi sono i volontari che partecipano e quale attività svolgono?

Il servizio è iniziato dalla zona della ZTL del centro di Lecco, per questo abbiamo chiamato “ZTL Attivo”, e pian piano si è allargato a zone limitrofe; cerchiamo di fare il più possibile per le persone anziane che in queste settimane sono in quarantena nelle proprie abitazioni: questo grazie al grande aiuto dei volontari di Carovana oltre che alle persone che si sono messe a disposizione tramite i social network .

Qual è il gesto di generosità che l’ha colpita di più in queste settimane?

Sicuramente l’intero carrello di spesa pagata che abbiamo ricevuto anonimamente da una signora e che abbiamo prontamente consegnato al Signor Luca di Via Mascari che con il suo cestino solidale, raccoglie generi alimentari per preparare un pasto caldo a chi ne ha bisogno, quando la mensa Caritas è chiusa.

E il momento più toccante?

La consegna di una  mascherina a una persona molto anziana che purtroppo non poteva permettersela a causa del costo esorbitante che questi semplici dispositivi hanno; quando gliela abbiamo consegnata stentava a credere che fosse gratuita e con gli occhi lucidi mi ha detto un commosso grazie, che ricorderò per sempre.