In tantissimi per l'ultimo saluto al presidentissimo Redaelli FOTO

Il ricordo della società: "Grazie per tutto ciò che hai fatto e per tutto quello che ci hai insegnato. Fai buon viaggio e porta con te tutto l’affetto e l’amore che ti dobbiamo con immensa riconoscenza e rispetto. Proteggi dall’alto la tua grande famiglia dell’U.S. Olginatese".

In tantissimi per l'ultimo saluto al presidentissimo Redaelli FOTO
Lecco e dintorni, 22 Gennaio 2019 ore 16:09

È iniziato alle ore 13 di martedì 22 gennaio, sul manto verde del campo di calcio dell'Olginatese, l'ultimo saluto dei tifosi e dei tanti amici allo storico presidente Gianpaolo Redaelli, venuto a mancare nel pomeriggio di domenica 20 gennaio mentre la sua squadra stava pareggiando al Senigallia di Como.

LEGGI ANCHE

Lutto a Olginate: si è spento il presidentissimo Redaelli

L’addio al presidentissimo Redaelli: la salma esposta al campo sportivo

Una folla di amici e parenti per l'ultimo saluto

Presenti, sul campo a dare l'addio al presidentissimo Redaelli tutte le squadre del suo club, dai bambini dei Primi Calci, i Pulcini, gli Esordienti, i Giovanissimi, gli Allievi, gli Juniores fino alla prima squadra che da 15 anni milita nel campionato di serie D. Non sono mancati nemmeno tutti gli allenatori, i dirigenti e gli addetti ai lavori del sodalizio calcistico; oltre a diversi presidenti delle squadre di serie D impegnate in questi anni insieme al club di Redaelli. Tantissimi anche gli olginatesi, capitanati dal sindaco Marco Passoni e da alcune autorità civili e militari, che hanno voluto portare l'ultimo saluto allo storico presidente e far sentire la loro vicinanza alla moglie Maria Elena e ai figli Massimo, Claudia e Maurizio.

6 foto Sfoglia la gallery

Presente anche l'ex parroco don Eugenio Folcio

Il rito funebre è stato celebrato dal parroco don Matteo Gignoli e da don Andrea Mellera. "Dieci giorni fa - ha ricordato don Matteo durante l'omelia - il nostro caro Gianpaolo mi ha telefonato, chiedendomi di andare a casa sua. Abbiamo fatto una lunga chiacchierata e ho subito capito che era un uomo di parola, orgoglioso di aver condiviso con tanti giovani l'amore per lo sport, e con uno sguardo sempre ai problemi sociali del paese che amava".

Per salutare il previdentissimo Redaelli non è mancato l'ex parroco di Olginate don Eugenio Folcio che lo ha ricordato così: "Lui ha vissuto la sua vita in pienezza, ha creduto nei giovani e nello sport vero e sappiamo cosa aleggia, oggi, intorno allo sport: violenza, denaro e non solo... Lui sapeva dare coraggio ai ragazzi e non mi meraviglierei se, oggi, Gianpaolo non abbia già una squadra di calcio".

8 foto Sfoglia la gallery

Il ricordo dell'Olginatese

"Oggi, i propri cari, i parenti, gli amici, l’U.S. Olginatese con tutti i propri dirigenti, gli allenatori, i ragazzi di tutto il settore giovanile fino alla prima squadra, i conoscenti, sono tutti presenti per salutare e commemorare la scomparsa del nostro presidentissimo Gianpaolo. Un padre per tutti noi, un amico vero e sincero, dal carattere forte, attento, deciso, schietto, sincero e soprattutto amorevole, comprensivo e generoso con tutti coloro che lo hanno conosciuto e con tutta la comunità della sua Olginate. Un amore incondizionato per il suo paese per la sua creatura l’U.S. Olginatese - ha ricordato durante il rito funebre il direttore generale Fabio Galbusera a nome di tutta la società - Quando si è ritirato dal lavoro Paolo è sempre stato presente agli allenamenti delle squadre giovanili, seduto sulla panchina vicino agli spogliatoi, con le sue inseparabili sigarette, che guardava ed osservava tutti i suoi piccoli atleti che indossavano la tuta e la maglia dell’Olginatese. E la domenica sempre presente vicino alla recinzione o in tribuna a soffrire per i risultati delle proprie squadre... la sua vita. Aveva una parola di incitamento per tutti ragazzi, dispensava consigli ed era di supporto umano per tutti giocatori, per i dirigenti e per gli allenatori. Da tutti era contraccambiato con un amore che solo ad un padre si può donare... Grazie amico mio per tutto ciò che hai fatto e per tutto quello che ci hai insegnato. Fai buon viaggio e porta con te tutto l’affetto e l’amore che ti dobbiamo con immensa riconoscenza rispetto. Proteggi dall’alto la tua grande famiglia dell’US Olginatese". 

a cura di Mario Stojanovic