Tolleranza zero contro i maleducati

Esame del Dna sulle cacche dei cani che insozzano il paese

Csi in salsa nostrana, con analisi scientifiche in laboratorio fatte non per risalire all'identità dell'autore di un delitto, bensì a un quattro zampe che, a causa dell'inciviltà non certo sua, ma del suo proprietario, lascia per strada ricordini sgraditi.

Esame del Dna sulle cacche dei cani che insozzano il paese
Cronaca Lecco e dintorni, 29 Gennaio 2021 ore 14:51

Csi in salsa nostrana, con analisi scientifiche in laboratorio fatte non per risalire all’identità dell’autore di un delitto, bensì a un quattro zampe che, a causa dell’inciviltà non certo sua, ma del suo proprietario, lascia per strada ricordini sgraditi. Succede a Pescate dove è tutto pronto per l’esame del Dna sulle cacche dei cani che insozzano il paese. L’idea, per altro già messa in pratica in altre realtà, come ad esempio a Bolzano, è venuta al sindaco sceriffi Dante De Capitanti.

Esame del Dna sulle cacche dei cani che insozzano il paese

Un problema, quello delle deiezioni canine è un problema che  da tempo affligge Pescate (e non solo). “In questo mese di gennaio la pista ciclopedonale a lago, quella a monte  e anche alcune strade del paese sono state invase da ricordini di cani, e anche oggi ho già ricevuto un paio di segnalazioni a riguardo – sottolinea De Capitani – Abbiamo anche controllato alcune zone con le telecamere ma pur intravedendo  le sagome non siamo riusciti per ora a risalire ai trasgressori perchè la maggior parte di questi incivili a cui andrebbe tolto il cane per incapacità di gestirlo, si muove di sera oppure prima del sorgere del sole. Alcune delle nostre sentinelle mi hanno fornito elementi molto  utili per rintracciare questi personaggi, nomi, cognomi e razze di cani, ma finché non vengono individuati con certezza  non possiamo elevare sanzioni.

Non si tratta solo di questioni di estetica o di decoro del paese, ma anche salute pubblica, sottolinea De Capitani. “Il  problema è che  queste deiezioni canine soprattutto nei parchi dove giocano i bambini, possono dare luogo anche ad aspetti di carattere igienico sanitario”.

Quindi il sindaco ha   deciso  di passare all’azione coinvolgendo l’ente che proprio di salute pubblica si occupa. “Siccome ho gia sperimentato che mettere cartelli di divieto  o produrre  ordinanze nel caso non serve a nulla, oggi ho chiesto ad Ats Brianza l’anagrafe canina di tutti i cani pescatesi per porre in atto iniziative a riguardo. Dapprima azioni  volte  alla sensibilizzazione sulla problematica, con una comunicazione a tutti i proprietari chiedendo collaborazione. Ma se neanche questo dovesse servire,  in convenzione con un veterinario del territorio si procederà con l’esame  del Dna delle deiezioni canine al fine di stilare una mappatura  dei cani i cui proprietari non raccolgono escrementi e incrociare i dati già in nostro  possesso con quelli di ATS al fine di trovare e sanzionare i responsabili”.

Multe salate in arrivo

Proprio per la violazione anche degli aspetti igienico sanitari, De Capitani ha inoltre  chiesto al comandate della Polizia locale Chiara Fontana di applicare nel frangente la sanzione massima prevista  e cioè 500 euro.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli