Dopo la Nostra Famiglia crisi anche alla Fondazione Sacra Famiglia: lavoratori in sciopero il 19 febbraio

"La vicenda dei lavoratori della Fondazione Sacra Famiglia non è meno drammatica di quella della Nostra Famiglia. Sono stati costretti  per necessità, nel 2017, a rinunciare a 1000 euro a testa per tre anni (una cifra pari a oltre 3 milioni di euro) per poter colmare un rivelante buco di bilancio ed evitare la catastrofe".

Dopo la Nostra Famiglia crisi anche alla Fondazione Sacra Famiglia: lavoratori in sciopero il 19 febbraio
Lecco e dintorni, 12 Febbraio 2020 ore 10:42

Fondazione Sacra Famiglia: lavoratori in sciopero il 19 febbraio. In questi giorni, su tutta la stampa locale e non solo, ha avuto una grande eco la vicenda del cambio di contratto unilaterale per i lavoratori dell’associazione “La Nostra Famiglia”. Vicenda che ha suscitato l’unanime indignazione e reazione non solo dei lavoratori e dei loro rappresentanti, ma anche dei genitori, dei bambini, dei  medici e della politica.

LEGGI ANCHE Crisi a La Nostra Famiglia: la vertenza è in fase di stallo

Tuttavia nel territorio lecchese esiste un’altra “famiglia” magari meno nota, che è la FONDAZIONE SACRA FAMIGLIA, ente religioso con sede a Cesano Boscone e con filiali a Regoledo di Perledo e Lecco. L’istituto si  occupa della cura degli anziani e dei più deboli, i disabili gravi innanzitutto , mission della Fondazione da 120 anni.

Dopo la Nostra Famiglia crisi anche alla Fondazione Sacra Famiglia

“La vicenda dei lavoratori della Fondazione Sacra Famiglia non è meno drammatica di quella della Nostra Famiglia. Costretti  per necessità, nel 2017, a rinunciare a 1000 euro a testa per tre anni (una cifra pari a oltre 3 milioni di euro) per poter colmare un rivelante buco di bilancio ed evitare la catastrofe, la Fondazione ha dichiarato nel settembre del 2019 l’intenzione di applicare il contratto UNEBA dal 1 gennaio 2020″  sottolinea Franca Bodega,  segreteria CISL FP Monza Brianza Lecco .

 

I dipendenti oggetto di questo cambiamento sono ex lavoratori pubblici , che nel 2000 sono stati depubblicizzati e che si sono visti applicare il contratto ARIS sanità che, come per i colleghi della Nostra Famiglia, non vede il rinnovo da 13 anni. Anche i lavoratori della Sacra Famiglia si vedono sfilare sotto il naso il dovuto rinnovo tanto atteso con l’applicazione di un contratto ancora più al ribasso con 38 ore al prezzo di 36 e diritti e retribuzioni fortemente tagliati. Nonostante mesi di trattative l’azienda ha deciso di non proseguirle e ora dal 1 gennaio applica questo contratto senza integrativo L’indignazione è la stessa e la beffa per i lavoratori è la medesima”.

lavoratori in sciopero il 19 febbraio

“Nonostante evidenti cause esogene (la riabilitazione è la cenerentola del servizio sanitario con rette non adeguate alle prestazioni erogate), che crea difficoltà a chi opera nel settore (Don Gnocchi, Sacra Famiglia e Nostra Famiglia sono sulla stessa barca), dobbiamo anche addossare molte delle colpe di queste situazioni all’incapacità di gestione delle direzioni e degli enti abituate da troppo tempo ad affidarsi alla provvidenza. Ora è troppo facile e semplice usare i lavoratori come bancomat. Senza tagliare sprechi e consulenze, senza riorganizzare il lavoro in modo efficiente queste misure non risolveranno i problemi. La vicenda dei sacrifici dell’ultimo triennio per la Sacra Famiglia lo dimostrano: tre milioni di euro non sono serviti a nulla.  Questi lavoratori, spesso non giovanissimi, si occupano con amore e dedizione dei nostri disabili e dei nostri anziani, ma le trattative con le organizzazioni sindacali, dopo un anno, non hanno trovato una soluzione. I lavoratori si mobiliteranno il 19 febbraio con uno sciopero e manifestazione davanti alla curia di Milano”.

LEGGI QUI LA POSIZIONE DELL’AZIENDA

 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve