Don Giorgio sfida Matteo Salvini: presentati in Tribunale

Il sacerdote soffia di nuovo sulla polemica contro il leader della Lega.

Don Giorgio sfida Matteo Salvini: presentati in Tribunale
Meratese, 16 Giugno 2018 ore 08:18

Don Giorgio De Capitani contro Matteo Salvini. Nuovo atto. Dopo il botta e risposta tra l'ex parroco di Monte di Rovagnate e il neoministro dell'Interno, il sacerdote ha soffiato nuovamente sulla polemica sfidando a viso aperto proprio il leader leghista che ieri aveva chiesto ai militanti del Carroccio di "pregare per questo prete".

Don Giorgio De Capitani sfida Salvini

"Matteo Salvini invita a pregare per me... Ti ringrazio, ne ho veramente bisogno per ottenere ancora più forza per combatterti, sempre sul piano politico. La tua persona non mi interessa. Già che ci siamo: il prossimo 10 luglio ti presenterai finalmente presso il Tribunale di Lecco, oppure sposterai ancora l'udienza? Ti aspetto, e ti riserverò qualche bella sorpresa. Su, un po' di coraggio: affrontami viso a viso". Questo il messaggio di sfida rivolto dal sacerdote a Salvini, che come noto ha tempo fa querelato per diffamazione l'ex parroco di Monte salvo poi non presentarsi alle udienze in Tribunale, costringendo i giudici a vari rinvii.

"Fuori i leghisti dalle chiese"

A scatenare le polemiche di questi giorni è stato un intervento di don Giorgio alla trasmissione di Radio 24 La Zanzara. "Salvini si dice cristiano, ma è un blasfemo. Bisogna scatenare una guerra civile, bisogna mandare via i barbari dall’Italia, i razzisti. Fuori. Che vadano dove vogliono andare. Ma non in Italia. Una nazione che è sempre stata civile. Oggi abbiamo la disumanità, il Male. Certo tutti diciamo che esiste solo una razza, la razza umana. Tranne alcuni che non appartengono a questa razza umana. che sono i leghisti, che sono barbari. Salvini in primis" aveva affermato il sacerdote. Scatenando per altro numerosi commenti di indignazione da parte dei leghisti del territorio, ma non solo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter