Domenica funesta in montagna, due morti per infarto

Il secondo decesso a Introbio: si tratta dell'ex assessore Oreste Ossola, 76 anni

Domenica funesta in montagna, due morti per infarto
Valsassina, 10 Novembre 2019 ore 15:10

Due morti nell’arco di una mattinata. Domenica funesta per gli amanti dell’escursionismo su monti della Valsassina. Il bollettino del Soccorso alpino in emergenza registra infatti due decessi, in entrambi i casi dovuti a malore improvviso quanto fatale.

Due morti nell’arco di una mattinata

Il primo caso è quello registrato nella prime ore della mattinata, poco prima delle 7.30, ad Esino Lario. Purtroppo l’ottantenne  trasportato dall’elisoccorso in codice rosso all’ospedale Manzoni di Lecco, non ce l’ha fatta. I medici hanno dovuto constatare la morte, sopraggiunta a seguito di un arresto cardiaco.

Il secondo caso alla Baita di Planca

Il secondo caso risale a poco più di due ore fa. Attorno  alle 12.15 i soccorritori della XIX Delegazione Lariana, con l’ausilio dell’elisoccorso di Sondrio, sono intervenuti in comune di Introbio,  alla Baita di Planca  in zona Monte Foppabona. In questo caso però non si è potuto far altro che constatare l’avvenuto decesso.

Lutto ad Introbio per Oreste Ossola

Si tratta di Oreste Ossola, 76 anni, pensionato ex meccanico autoriparatore, alpino, per trent’anni, fino a 2015, Guardia Ecologica. Non solo: Ossola è stato anche assessore comunale nell’Amministrazione guidata da Sergio Piazza dal  1990 al 1995. Ha anche ricoperto il ruolo di  responsabile antincendio boschivo, protezione civile e alpeggi del Comune di Introbio per tredici anni, dal 1990 al 2003. Aveva partecipato alle ultime elezioni amministrative dello scorso maggio nella lista Insieme per Introbio, a sostegno del candidato sindaco Lino Artusi.

Pare che con lui, nel momento in cui ha accusato il malore fatale, ci fosse il figlio, che ha seguito le orme paterne portando avanti l’officina meccanica.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia