Menu
Cerca
I NUMERI DI ATS

Covid, incremento di casi anche nell’Isola e Valle San Martino: i dati comune per comune

È di 630 casi l'incremento di contagiati Covid in tutta la provincia di Bergamo rispetto a settimana scorsa.

Covid, incremento di casi anche nell’Isola e Valle San Martino: i dati comune per comune
Cronaca Valle San Martino, 11 Marzo 2021 ore 09:49

È di 630 casi l’incremento di contagiati Covid in provincia di Bergamo. E’ questo il dato che emerge dell’aggiornamento diffuso da Ats Bergamo per la provincia orobica e che anche nel territorio dell’Isola e della Valle San Martino mostra un sensibile incremento.

Covid, aree critiche al confine con Brescia e Cremona

La dimensione statistica dei nuovi casi identificati su base comunale (ed il relativo tasso di incidenza per 1.000 abitanti) mostra, per la settimana che va dal 3 al 9 marzo 2021, un incremento complessivo di nuovi casi pari a +630 (+ 33% rispetto alla settimana precedente), con una media giornaliera di nuovi casi pari a 301 (274 la settimana precedente). Ciò determina un ulteriore incremento della curva epidemica.

Il valore di incidenza complessivo settimanale, a livello provinciale, sale da 167 casi della scorsa settimana a 190 per 100.000 abitanti. Le aree critiche sono rappresentate dagli Ambiti confinanti con la provincia di Brescia e con quella di Cremona. I comuni con tassi maggiori di incidenza cumulativa sugli ultimi 7 giorni nella settimana in studio sono Valgoglio, che rimane il Comune con il tasso maggiore di incidenza cumulativa sugli ultimi 7 giorni (tasso di incidenza 24,1 per 1.000 abitanti, lo stesso tasso della scorsa settimana e lo stesso incremento di nuovi casi, 14 nuovi casi nella settimana considerata) Calcio ( 42 nuovi casi, + 18 contro i – 2 della settimana precedente e il tasso passa da 4,4 a 7,6), seguono Spirano, Pianico, Cividate al Piano, Grumello del Monte, Barbata, Villongo.

Nella fascia rinforzata calano i casi

Tra i 15 comuni dell’area Est della provincia inseriti anticipatamente rispetto al resto della provincia nel percorso di vaccinazione anti-covid, 6 presentano un decremento di nuovi casi rispetto alla settimana precedente (Castelli Calepio -14 nuovi casi, Credaro -9, Viadanica – 6, Torre Parravicina -6, Predore -2, Gandosso -2); tra gli 8 inseriti nella fascia arancione rinforzata, dunque, 5 risultano in decrescita, grazie alle misure di contenimento. 3 evidenziano, invece, un incremento (Calcio +18 nuovi casi rispetto alla settimana precedente, Cividate +14, Villongo + 13). Sono 9 i Comuni, sui 15 appartenenti a questa fascia, quelli che presentano un tasso di incidenza cumulativa negli ultimi 7 giorni superiore a 2,5 per 1.000 abitanti (250 per 100.000).
In termini generali, è aumentato nella settimana il numero di comuni con nuovi casi positivi: da 186 (77%) a 190 (78%). Il numero di Comuni con 0 (zero) casi incidenti (comuni con colore bianco nella mappa) scende da 57 a 53.

Focolai in famiglia e a scuola

La mappa è costruita sulla base di una scala colorimetrica per quintili (suddivisione di 5 classi di valori della distribuzione dei valori del tasso di incidenza); a quintile più elevato, il colore diventa più intenso.

La presenza sempre più diffusa di varianti, con la maggiore forza di contagiosità ormai dimostrata a livello scientifico, ha determinato un veloce innalzamento dei casi incidenti, con l’insorgere di numerosi focolai, sia in ambito famigliare (soprattutto), sia in ambito scolastico.

Mantenere elevata l’attenzione

Ciò ci porta nuovamente a ribadire l’importanza di mantenere elevata l’attenzione su tutto il territorio, in particolare sulle aree in cui singoli comuni presentano nuovi focolai.

È giusto pertanto rinforzare nuovamente il messaggio relativo alla necessità di rispettare – e far rispettare – rigorosamente tutte le norme previste, in particolare sul distanziamento sociale e sull’utilizzo dei mezzi di protezione individuale (mascherina chirurgica – evitando se possibile quelle di stoffa non certificate –, lavaggio delle mani, etc), in famiglia e nelle situazioni extra-famigliari, in particolare per quanto è correlabile ai trasporti pubblici ed alla quota di attività didattiche in presenza, nonché ad altre situazioni in cui aumenta il rischio di contagio (mense, bar, ristoranti, negozi, etc.).

I dati paese per paese

3 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli