Menu
Cerca
Sanità

Coronavirus: preoccupa la situazione dell’ospedale di Bellano, che ospita i pazienti non gravi quarantena

"C’è l’allarme diffuso fra i pazienti e gli operatori sanitari per le condizioni di scarsa sicurezza in cui si trovano ricoverati i primi e per l’insufficienza di dispositivi sanitari per i secondi"

Coronavirus: preoccupa la situazione dell’ospedale di Bellano, che ospita i pazienti non gravi quarantena
Cronaca Lago, 03 Aprile 2020 ore 16:24

“La situazione dell’ospedale di Bellano, dove attualmente vengono ricoverati i malati lievi di Covid in quarantena dopo le dimissioni dai nosocomi di Lecco e di Merate, crea un doppio ordine di preoccupazioni che raccogliamo e intendiamo sottoporre al più presto all’attenzione della Giunta regionale”, lo dicono Raffaele Straniero e Andrea Nogara, consigliere regionale e segretario del Circolo di Bellano del Pd.

LEGGI ANCHE Una fornitura di mascherine dalla Cina a Bellano

Coronavirus: preoccupa la situazione dell’ospedale di Bellano, che ospita i pazienti non gravi quarantena

Per l’immediato, fanno presente i due esponenti dem, “c’è l’allarme diffuso fra i pazienti e gli operatori sanitari per le condizioni di scarsa sicurezza in cui si trovano ricoverati i primi e per l’insufficienza di dispositivi sanitari per i secondi. Su questi aspetti è necessario un intervento il più rapido possibile da parte delle autorità sanitarie, poiché, pur comprendendo le difficoltà di gestione di un’emergenza come quella che stiamo vivendo, dobbiamo garantire sia ai soggetti ricoverati che agli operatori sanitari le necessarie ed indispensabili condizioni di sicurezza”.

“Serve maggiore attenzione”

Per quanto riguarda il futuro, invece, “l’attuale utilizzo del reparto di riabilitazione per la quarantena dei malati Covid, assolutamente legittimato dall’emergenza, non può divenire occasione per un ulteriore depauperamento di una struttura che, al contrario, merita un’attenzione maggiore e un progetto che le assegni funzioni precise a regime – aggiungono Straniero e Nogara –. Sappiamo, infatti, che, prima dell’emergenza Covid, l’ex ospedale di Bellano era sostanzialmente sottoutilizzato come presidio di riabilitazione, centro psico-sociale e ambulatorio, con ampi spazi disponibili. Non vorremmo che il futuro, sulla scorta di questa situazione momentanea, riservi ipotesi di ulteriore ridimensionamento di questa struttura, che, al contrario, è nevralgica per la zona del lago e della Valsassina”. Per queste ragioni, la proposta del consigliere e del segretario Pd “è quella di creare un Pot, cioè un Presidio ospedaliero territoriale, uno dei cardini della legge del 2015 che in realtà non ha ancora trovato attuazione”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli