Menu
Cerca
Niente viaggi

Coronavirus: ecco i treni lecchesi cancellati

Ecco quali sono i convogli fermi e le corse che non verranno effettuate.

Coronavirus: ecco i treni lecchesi cancellati
Cronaca Lecco e dintorni, 25 Febbraio 2020 ore 07:15

Come abbiamo anticipato ieri, da oggi, martedì 25 febbraio Trenord ha ridotto le corse su alcune linee. Una decisione motivata dal calo dei passeggeri a causa del Coronavirus e dalle necessarie operazioni di sanificazione della flotta.

LEGGI ANCHE Corinavirus: drastico calo dei passeggeri sui treni Trenord. Dal 25 febbraio modifiche alla circolazione

Coronavirus: ecco i treni lecchesi cancellati

La principale linea utilizzata dai pendolari lecchesi, ovvero la Tirano-Sondrio-Lecco-Milano è tra quelle che Trenord ha inserito nel programma di rimodulazione delle corse che in altre  parole significa cancellazione dei treni.

Ecco quindi i convogli che rimarranno fermi:

Ricordiamo poi che in adempimento di quanto previsto dall’ordinanza regionale, prosegue la sospensione delle fermate di Codogno, Maleo, Casalpusterlengo. I treni della linea Milano-Piacenza non effettuano fermata a Codogno e Casalpusterlengo; i treni della Mantova-Cremona-Milano non fermano a Codogno. Sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno il servizio è parzialmente sospeso.

È inoltre sospesa l’attività di biglietteria presso le stazioni di Codogno e Casalpusterlengo.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE CLICCA QUI

Le operazioni di sanificazione della flotta

“Dando seguito alle disposizioni delle Autorità sanitarie, Trenord ha messo in atto le opportune misure precauzionali per la tutela dei passeggeri e del personale. I convogli sono sottoposti a operazioni di sanificazione, che sono svolte di notte presso gli impianti di Milano Fiorenza e Novate Milanese e di giorno, durante i tempi di sosta dei treni, presso le principali stazioni di Milano. Tramite i propri canali di comunicazione – esterna e interna – l’azienda ha invitato i passeggeri e i dipendenti a rispettare le dieci regole di prevenzione diffuse dal Ministero della Salute”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli