Menu
Cerca
Virus ed economia

Coronavirus: ecco come reagiscono le imprese lecchesi. L’esempio della Mab

In un territorio a forte vocazione metalmeccanica la chiusura delle fabbriche è diffusa un po’ ovunque. Ma come è stato preso il provvedimento del Governo? Che timori ci saranno alla ripresa una volta superata l’emergenza sanitaria Coronavirus? Il sistema manifatturiero lecchese come uscirà da questo difficilissimo momento?

Coronavirus: ecco come reagiscono le imprese lecchesi. L’esempio della Mab
Cronaca Lecco e dintorni, 30 Marzo 2020 ore 17:29

In un territorio a forte vocazione metalmeccanica la chiusura delle fabbriche è diffusa un po’ ovunque. Ma come è stato preso il provvedimento del Governo? Che timori ci saranno alla ripresa una volta superata l’emergenza sanitaria Coronavirus? Il sistema manifatturiero lecchese come uscirà da questo difficilissimo momento?

LEGGI ANCHE Un respiratore polmonare rivoluzionario made in Lecco

Coronavirus: ecco come reagiscono le imprese lecchesi. L’esempio della Mab

Queste e altre domande le abbiamo girate a uno degli imprenditori più noti del territorio lecchese: Guido Baggioli, Dg della Metallurgica Alta Brianza, una storica azienda che ha da poco festeggiato il settantesimo compleanno, nonché leader in Italia nella produzione di barre in acciaio trafilate a freddo, una realtà che occupa 63 dipendenti e sviluppa un fatturato di 50 milioni di euro. “Noi abbiamo chiuso mercoledì scorso – ha esordito Baggioli – Per gli imprenditori della mia generazione questa è una crisi nuova che ci ha colto tutti impreparati. La nostra non è un’attività essenziale e abbiamo preso la scelta del Governo quasi come una liberazione”.

In che senso? 

“Abbiamo lavorato un po’ nell’incertezza negli ultimi giorni perché alcuni clienti erano chiusi, mentre altri erano aperti e volevano garanzie sulle forniture. Questa decisione invece mette tutti d’accordo. Confido però che non vi siano furbi, cioè aziende concorrenti che chiedano e ottengano di continuare a produrre. Le eccezioni possono valere per le realtà siderurgiche industriali che hanno impianti a ciclo continuo di difficile fermata o che sono coinvolti nelle filiere produttive considerate essenziali. La MAB, ad esempio, non avendo un custode o una guardiania, ha chiesto la deroga affinché una persona possa entrare nello stabilimento per controllare che sia tutto a posto”.

L’articolo completo si può leggere sul Giornale di Lecco in edicola da oggi, lunedì 30 marzo. Da pc c’è anche la versione sfogliabile (CLICCA QUI https://edizionidigitali.netweek.it/dmedia/pageflip/swipe/lecco/20200330lecco)

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli