Menu
Cerca

Coronavirus: caso sospetto a Monza

Un quarantenne, reduce da un viaggio in Cina, è in isolamento al San Gerardo

Coronavirus: caso sospetto a Monza
Cronaca Brianza, 30 Gennaio 2020 ore 12:37

Un quarantenne è ricoverato all’ospedale San Gerardo di Monza: si tratta di un caso sospetto di Coronavirus per il quale sono in corso tutti gli accertamenti.

LEGGI ANCHE Allarme Coronavirus: il Conservatorio di Como chiede agli studenti di ritorno dalla Cina di restare a casa

L’epidemia di Coronavirus

Come riportano i colleghi del giornaledimonza.it l’uomo, un quarantenne italiano, era reduce da un viaggio di lavoro in Cina e nei giorni scorsi ha accusato dei sintomi compatibili con quelli del virus sviluppatosi nel paese asiatico dove  ha mietuto già oltre cento vittime e che ora sta spaventando l’Europa. L’uomo da mercoledì è stato posto in isolamento ed è stato avviato tutto l’iter predisposto dalla Regione Lombardia: sono in corso degli accertamenti e l’esito potrebbe essere dato in giornata. Sul caso è calato il massimo riserbo da parte dell’Azienda ospedaliera

Solo ieri dal Pirellone era stata presentata la rete precauzionale predisposta per far fronte all’emergenza che si avvale di tre laboratori e diciassette reparti di Malattie infettive, tra cui uno proprio al San Gerardo mentre l’ospedale Manzoni di Lecco è uno dei 17 centri il cui reparto di malattue inferrive è attrezzato per la cura degli eventuali pazienti.

LEGGI ANCHE Coronavirus: operativi 3 laboratori e 17 reparti malattie infettive. C’è anche Lecco

CLICCA QUI PER AGGIORNAMENTI

Apprensione anche a Pavia dove l’Università ha messo mette in “quarantena” studente cinese. Negativo al test del virus ma in via precauzionale non potrà frequentare l’ateneo per due settimane.  Il giovane è arrivato a Pavia lo scorso 27 gennaio 2020, proveniente da una città vicina a Wuhan, centro del focolaio del coronavirus. Portato al Policlinico San Matteo dal suo tutor è stato sottoposto a controlli che hanno dato esito negativo al virus. Ma considerato che la malattia ha un periodo di incubazione che va dai 10 ai 15 giorni, gli è stato consigliato di stare a casa per le prossime due settimane. Nel frattempo l’ateneo gli fornirà tutte le dispense per restare al passo con gli studi.