Coordinamento rifiuti zero: "Legambiente chieda di fermare il progetto del Teleriscaldamento"

"Prendiamo atto che Legambiente dichiara di necessaria la dismissione del forno inceneritore a partire dal 2024, ma non cita esplicitamente la richiesta di bloccare la realizzazione del progetto di Teleriscaldamento"

Coordinamento rifiuti zero: "Legambiente chieda di fermare il progetto del Teleriscaldamento"
Lecco e dintorni, 16 Dicembre 2018 ore 18:24

L’incenerito di Valmadrera, nelle ultime settimana è decisamente al centro del dibattito lecchese. Da una parte lo studio epidemiologico commissionato da Silea, dall’altra la mappa di ricaduta dei fumi dell’inceneritore illustrata dal Comitato Lecchese Riufiuti Zero, in mezzo le “beghe” tra Movimento e Cinque Stelle sul progetto del teleriscaldamento.  Ora il Coordinamento Lecchese Rifiuti Zero è tornato con forza sul tema.

LEGGI ANCHE Studio epidemiologico di Silea, Legambiente: “I risultati non cambiano la nostra posizione sui rifiuti”

LEGGI ANCHE Ecco lo studio epidemiologico “L’inceneritore di Valmadrera non incide sulla salute degli abitanti”

"Condividiamo solo in parte il comunicato di Legambiante"

"Come Coordinamento Lecchese Rifiuti Zero condividiamo solo in parte il comunicato del Coordinamento provinciale di Legambiente Lecco apparso sui media locali. Prendiamo atto che Legambiente dichiara di ritenere necessario la dismissione del forno inceneritore a partire dal 2024 ma, tra i punti della lettera che dice di voler indirizzare ai comuni soci di Silea, non cita esplicitamente la richiesta di bloccare la realizzazione del progetto di
Teleriscaldamento alimentato con l’inceneritore - hanno fatto sapere i responsabili del Coordinamento Lecchese Rifiuti Zero - Un progetto la cui gara d’appalto, stando agli atti approvati dai tre comuni (Lecco, Malgrate,
Valmadrera) che ne dovrebbero essere “beneficiati”, potrebbe essere bandita già entro il prossimo
mese (gennaio 2019). Da parte di Legambiente chiedere a tutti i comuni della Provincia di fermare il progetto del
Teleriscaldamento (peraltro non trattato nei loro Consigli Comunali) sarebbe un atto di
inequivocabile presa di posizione, uscendo da ogni ambiguità interpretativa. Pertanto chiediamo
loro di includere con gli altri tre punti, anche questa richiesta e di assumere forti e coerenti iniziative
a sostegno".

"Dobbiamo imboccare le strade alternative all'incenerimento"

Del resto Legambiente Lecco stessa nel suo comunicato di febbraio 2017 evidenziava: “Una tale rete pesante disegnata sul modello impostato da Brescia decenni fa non ha più senso: si tratterebbe di un investimento funzionale esclusivamente a tener in vita più a lungo possibile l'inceneritore oppure, in un'ipotesi meno peggiore, a dare il via a una futura alimentazione a gas”.

"E' questo il momento per cercare di impedire la realizzazione di un Teleriscaldamento che è pretesto per allungare nei fatti di molti altri anni e forse “sine die” i tempi della dismissione dell'inceneritore. Un'ultima sottolineatura: nel proprio comunicato Legambiente dice di “prendere atto dei risultati dello studio della ricaduta fumi” (appena illustrato il 4/12 presso la sede Silea) ma non accenna allo studio indipendente da noi autofinanziato e illustrato pubblicamente il 30/11 che presenta risultati differenti con una ben più ampia zona di ricaduta. Dalla argomentata e puntuale esposizione di esperti del settore, sia se fossero o no stati presenti alla serata, dovrebbero avere ben più di un dubbio ad esempio sulla presunta non correlazione tra inceneritore ed insorgenze tumorali al fegato (i cui parametri di accrescimento sono emersi dallo studio epidemiologico condotto da Silea). Peraltro il Parco del Monte Barro (dove ha ubicazione una loro sede) è uno dei punti di massima ricaduta dei fumi dell'inceneritore come dimostrato già nella documentazione di Silea e confermato dal nostro studio - concludono i responsabili del Coordinamento Lecchese Rifiuti Zero - Occorre quindi convergere tutti assieme perché finalmente s'imbocchino le strade alternative all'incenerimento. Strade virtuose dal punto di vista ambientale, sanitario ed economico che sono
previste da direttive europee e nei fatti già applicate con successo in vari territori italiani. Così facendo si darà una mano a coloro che da anni si battono localmente in modo argomentato e serio su più livelli tra cui quello della salute pubblica. Rispetto a quest'ultimo aspetto, che non è negoziabile con alcun ragionamento economico, è ora di pretendere l'applicazione del principio di maggior precauzione possibile, principio a cui si deve attenere ogni amministratore pubblico".