Il consiglio del Comune di Lecco

Contributi regionali del pacchetto famiglia: ecco cosa fare per ottenerli. “Conviene registrarsi subito”

"Per la registrazione al portale non è necessario attendere la data di avvio per la presentazione delle domande. Pertanto, suggeriamo di attivarsi prima della data di apertura del bando in modo da disporre già dell'occorrente per procedere all’inoltro della richiesta di contributo".

Contributi regionali del pacchetto famiglia: ecco cosa fare per ottenerli. “Conviene registrarsi subito”
Lecco e dintorni, 28 Aprile 2020 ore 08:53

“Conviene registrarsi subito”. Questo il consiglio del Comune di Lecco che ha illustrato le modalità per ottenere i contributi regionali del cosiddetto Pacchetto Famiglia. Le domande infatti andranno presentate soltanto online, dalle 12 di lunedì 4 maggio alle 12 di lunedì 11 maggio 2020. Ma palazzo Bovara chiarisce: “Per la registrazione al portale non è necessario attendere la data di avvio per la presentazione delle domande. Pertanto, suggeriamo di attivarsi prima della data di apertura del bando in modo da disporre già dell’occorrente per procedere all’inoltro della richiesta di contributo”.

LEGGI ANCHE L’uomo che a casa non troverà più nessuno: «Ho perso mia moglie e i miei tre figli»

Contributi regionali del pacchetto famiglia: ecco cosa fare per ottenerli

cittadini interessati devono presentare la domanda esclusivamente online attraverso il portale regionale www.bandi.servizirl.it per la misura regionale “Pacchetto famiglia” (delibera Giunta Regionale n. 2999 del 30 marzo 2020).

Quali agevolazioni

  1. mutui prima casa: contributo straordinario una tantum pari a euro 500,00 per ogni nucleo familiare con almeno un figlio di età minore o uguale a 16 anni.
  2. strumenti di apprendimento a distanza (e-learning):contributo straordinario una tantum pari all’80% delle spese sostenute, fino a un massimo di euro 500,00 per ogni nucleo familiare con almenoun figlio di età compresa tra 6 anni e minore o uguale a 16 anni per l’acquisto della strumentazione tecnologica necessaria alla didattica online (computer fisso o portatile o tablet con microfono e fotocamera).

Destinatari dell’agevolazione

Possono presentare domanda i nuclei familiari di cui almeno il richiedente è residente nel territorio della Regione Lombardia, che a seguito dell’emergenza Covid-19 si trovi in una delle seguenti condizioni:

    • lavoratori dipendenti con rapporto di lavoro subordinato, parasubordinato, di rappresentanza commerciale o di agenzia con riduzione della retribuzione lorda mensile pari o superiore al 20%
    • liberi professionisti e lavoratori autonomi con riduzione del proprio fatturato in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, ovvero nel minor
    • asso di tempo intercorrente tra la data della domanda e la predetta data, superiore al 33% del fatturato dell’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività lavorativa operata a seguito delle disposizioni adottate
    • morte di un componente del nucleo familiare per Covid-19

Requisiti destinatari

▪ almeno un figlio di età inferiore o uguale a 16 anni di età all’atto di presentazione della domanda per il contributo mutui prima casa;
▪ almeno un figlio di età compresa tra i 6 anni e minore o uguale a 16 anni di età all’atto di presentazione della domanda per il contributo e-learning;
▪ valore attestazione ISEE in corso di validità minore o uguale a euro 30.000,00. Nel caso in cui il richiedente non fosse in possesso dell’attestazione ISEE è comunque possibile presentare domanda; il riconoscimento del contributo sarà in tal caso condizionato alla presentazione della certificazione ISEE entro 90 giorni.


Come presentare la domanda

La domanda potrà essere presentata esclusivamente online sul portale regionale www.bandi.servizirl.it
Per poter accedere alla piattaforma e presentare la domanda occorre registrarsi in uno seguenti modi:

  • con il pin della tessera sanitaria CRS/TS-CNS.
    Se non si è in possesso, seguire i seguenti passaggi per:
    – richiedere il pin della CRS/CNS-TS
    – scaricare il software necessario per l’uso della CRS/TS-CNS (info sul servizio del Comune di Lecco)

    oppure

  • con lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), codice personale che consente di accedere da qualsiasi dispositivo e di essere riconosciuto da tutti i portali della Pubblica Amministrazione.
    Per richiederlo, andare sul sito web https://www.spid.gov.it/richiedi-spid

    • oppure
    • con nome utente e password.
      In questo caso, per poter operare, occorre attendere la verifica delle informazioni di registrazione e profilazione (con attesa fino a 16 ore lavorative).
      Inoltre, a seguito del caricamento dei documenti occorre scaricare tramite l’apposito pulsante la domanda di contributo generata automaticamente dal sistema e sottoscriverla con firma digitale, firma elettronica qualificata, firma elettronica avanzata o firma autografa. In alternativa, la domanda può essere stampata, firmata con firma autografa, scansionata e riallegata unitamente ad un documento di identità in corso di validità.

Quali documenti presentare

L’agevolazione è concessa a fondo perduto e prevede la trasmissione, insieme con la domanda di contributo, dei seguenti documenti:

1. per il contributo mutui prima casa: quietanza di pagamento della rata del mutuo relativa a uno dei mesi dell’anno 2020;
2. per il contributo e-learning: fattura o ricevuta fiscale da cui si  possa conmprendere il tipo di bene acquistato, avvenuto in data successiva all’ordinanza del 23 febbraio 2020 del Ministro della Salute d’Intesa col Presidente della Regione Lombardia, che dispone in Lombardia la chiusura dei nidi, dei servizi educativi all’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado.

Per ulteriori informazioni:

Portale web di Regione Lombardia – schema informativa “pacchetto famiglia”

oppure telefonare al  Punto Informativo del Comune di Lecco da lunedi a venerdì dalle 9 alle 12: tel. 0341 481235

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia