Commosso addio a Sergio Selva, morto tra le sue montagne

Il fratello: "Non era uno sprovveduto, aveva ramponi e racchette".

Commosso addio a Sergio Selva, morto tra le sue montagne
Valsassina, 23 Dicembre 2017 ore 09:30

«Era un fratello unico, aveva un carattere buonissimo. Era praticamente impossibile litigare con lui». Giuliano ricorda il fratello Sergio Selva, scomparso domenica in circostanze tragiche all’Alpe di Paglio.

Commosso addio a Sergio Selva

La tragedia di Selva, il cui cadavere è stato ritrovato lunedì mattina nella zona chiamata Lares Brusaa, ha gettato nello sconforto l’interaValsassina. L’uomo era molto conosciuto e stimano.  Aveva una falegnameria a Taceno e viveva a Primaluna. Selva era un grande amante e soprattutto un conoscitore delle montagne. “Non era uno sprovveduto, aveva ramponi e racchette” aggiunge il fratello.

Adorava la sua famiglia

Sergio Selva lascia la moglie, Gianna Maroni, e due figli, Franco, di 27 anni , e Marco, 22. “Ha dedicato la sua vita al lavoro  e alla famiglia” sottolinea Giuliano Selva. “Da qualche anno in falegnameria era entrato anche il figlio: aveva fatto il Badoni, e ha voluto mettere i suoi studi a disposizione del padre, che a marzo sarebbe andato in pensione, per proseguire col lavoro. Sergio ha imparato tantissimo da nostro padre, e in questi anni lo ha trasmesso al figlio.

Il servizio completo e il ricordo della moglie sul Giornale di Lecco in edicola da oggi, sabato 23 dicembre.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia