Menu
Cerca

Coldiretti lancia l'allarme smog per caldo anomalo e niente pioggia. I DATI NEL LECCHESE

Per quanto ruguarda la qualità dell'aria la provincia di Lecco è in zona arancione

Coldiretti lancia l'allarme smog per caldo anomalo e niente pioggia. I DATI NEL LECCHESE
Cronaca 16 Ottobre 2017 ore 16:19

Il Po è sotto di 3 metri rispetto allo zero idrometrico al Ponte della Becca. A Pavia e ha perso 70 centimetri in confronto all’anno scorso. In tutta la regione le precipitazioni della prima decade di ottobre sono state il 95% in meno rispetto alla media climatica. E’ quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti Lombardia alla vigilia dell’entrata in vigore delle misure anti smog a Milano, in attesa delle precipitazioni annunciate per il fine settimana che potrebbero aiutare ad abbattere gli inquinanti.

Coldiretti

Per combattere l'inquinamento secondo Coldiretti è necessario un progetto strategico sulla diffusione e la gestione del verde urbano. Servono misure anche a livello nazionale per la defiscalizzazione degli interventi di inserimento di alberi e fiori. "Secondo una stima del CNR – spiega Coldiretti Lombardia - i duemila ettari di verde di Milano sono in grado di assorbire fra le 60 e le 100 tonnellate di PM10 e gas ogni anno".

La situazione nel lecchese

Al momento la situazione nel lecchese è stabile. Secondo la mappa di Arpa la qualità dell'aria in generale in tutta la provincia è definita accettabile (fascia arancione) (Dati di oggi, lunedì 16). Nonostante il Lario continui ad essere sotto lo zero idrometrico e le precipitazioni siano praticamente assenti nelle province di Como e Lecco, la qualità dell’aria nei due capoluoghi sembra per ora reggere. Nello specifico su Lecco sono caduti 2 millimetri di pioggia contro i 43,7 millimetri della media; mentre su Como 2,2 millimetri rispetto i 46,1 millimetri previsti per la norma. "Tutto questo si riflette anche sul riempimento del Lago di Como, sceso 7,3 centimetri sotto il livello idrometrico, in attesa delle precipitazioni annunciate per il fine settimana che potrebbero aiutare ad abbattere gli inquinanti e a riempire il lago" spiega Coldiretti Como Lecco.

 

Anche sul fronte delle polveri sottili non sono ancora stati registarti superamenti anche se in questo caso i dati di Lecco e Merate sono aggiornati a sabato 14.

2 foto Sfoglia la gallery

Dati regionali

Secondo gli ultimi dati Arpa disponibili, domenica 15 ottobre il record lombardo delle polveri sottili PM10 è toccato a Lodi con 111 microgrammi contro un limite previsto di 50. Rilevato anche un crollo di quasi il 97% delle precipitazioni nella prima decade di ottobre. Persino Milano ha fatto “meglio” con 82 microgrammi. L’aria più pulita si respira a Sondrio con 18 microgrammi, ma se si scende verso la pianura le condizioni peggiorano in modo verticale: Mantova con 98 microgrammi, Cremona con 91 e Pavia con 90.

Il meteo cambia da giovedì

“Il robusto anticiclone tipicamente estivo, alimentato da aria decisamente calda che interessa mezza Europa, continuerà ad interessare l'Italia fino a giovedì quando arriverà una prima modesta perturbazione” .A dirlo è il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera. "Le temperature si manterranno decisamente sopra le medie del periodo specie di giorno con punte anche di 25/27°C".