Notizie

Coldiretti Como-Lecco: cibo come “bandiera identitaria” e mercato turistico fiorente

Fortunato Trezzi: “Strategico il legame con il turismo, importante attivare sinergie utili alla ripresa”.

Coldiretti Como-Lecco: cibo come “bandiera identitaria” e mercato turistico fiorente
Lecco e dintorni, 06 Settembre 2020 ore 12:37

Coldiretti Como-Lecco affronta la tematica del cibo come risorsa turistica sempre più forte. Trezzi: “Agricoltura ha saputo resistere all’emergenza, è settore-chiave”.

Coldiretti Como-Lecco: “Cibo patrimonio del futuro”

Anche nelle due province di Como e Lecco il cibo si conferma come “patrimonio del futuro” e risorsa di sviluppo per le nuove generazioni. E in tempo di Covid, l’agricoltura conferma la propria strategicità grazie in primis al lavoro delle imprese in grado di integrarsi con il territorio, interpretandone la storia e le tradizioni. Il cibo “a filiera corta e rintracciabile” è divenuto, insomma, una “bandiera” identitaria apprezzata dai consumatori, ma anche da un mercato turistico che per le due province lariane rappresenta un segmento economico di primario rilievo.

La prima ricchezza del Paese

“L’agroalimentare è l’unico settore che resiste all’emergenza coronavirus che ha fatto crollare i fatturati di tutti gli altri comparti protagonisti del Made in Italy dalla moda alle automobili fino all’arredamento” conferma il presidente di Coldiretti Como Lecco Fortunato Trezzi, commentando i dati dell’analisi presentata da Coldiretti in occasione del Cibus Forum, dalla quale si evidenzia che con 538 miliardi di valore la filiera agroalimentare nazionale è diventata la prima ricchezza del Paese resistendo meglio degli altri settori al drammatico impatto della pandemia da Covid-19.

La resistenza della rete agroalimentare all’emergenza Covid-19

“Quella agroalimentare è una realtà allargata dai campi agli scaffali che garantisce in Italia ben 3,8 milioni di posti di lavoro e vale il 25% del Pil grazie all’attività, tra gli altri, di 740mila aziende agricole, 70mila industrie alimentari, oltre 330mila realtà della ristorazione e 230mila punti vendita al dettaglio. Una rete diffusa anche nell’intero territorio lariano che viene quotidianamente rifornita dalle campagne dove stalle, serre e aziende hanno continuato a produrre nonostante le difficoltà legate alla pandemia”.

L’export raggiunge la cifra record di 44,6 miliardi di euro nel 2019

La filiera agroalimentare nazionale ha registrato una continua crescita dell’export raggiungendo la cifra record di 44,6 miliardi di euro nel 2019, secondo l’analisi Coldiretti sui dati Istat che evidenzia come quasi due terzi delle esportazioni agroalimentari siano diretti verso i Paesi dell’Unione Europea, dove il principale partner è la Germania, mentre fuori dai confini comunitari sono gli Stati Uniti il mercato di riferimento dell’italian food.

Necessari investimenti

“L’emergenza globale provocata dal coronavirus ha fatto emergere una consapevolezza diffusa sul valore strategico rappresentato dal cibo e sulle necessarie garanzie di qualità e sicurezza” conclude Trezzi nel sottolineare che “anche il comprensorio lariano può contare su una risorsa da primato mondiale ma deve investire per superare le fragilità presenti e difendere la sovranità alimentare e ridurre la dipendenza dall’estero per l’approvvigionamento in un momento di grandi tensioni internazionali”.

“Il cibo può giocare un ruolo di player protagonista”

“E’ un’agricoltura che si mette a disposizione del territorio, per costruire percorsi di crescita comuni: anche e soprattutto in un settore, quello del turismo, in cui il cibo può giocare un ruolo di player protagonista, contribuendo ad accrescere l’appeal territoriale. E’ importante creare sempre nuove sinergie anche in questo senso” continua Trezzi.

Italia leader della biodiversità

“Siamo parte di un sistema, quello dell’agricoltura nazionale, che può contare sulla leadership indiscussa nella Ue per la qualità alimentare con 305 specialità Dop/Igp/Stg, compresi grandi formaggi, salumi e prosciutti, riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, 5155 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari. E l’Italia è anche leader nella biodiversità. Sul territorio italiano ci sono 504 varietà iscritte al registro viti contro le 278 dei cugini francesi e 533 varietà di olive contro le 70 spagnole conclude il presidente di Coldiretti Como-Lecco.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia