Cronaca

Ci risiamo, nuovo rinvio a giudizio per corruzione per Formigoni

E' accusato di aver ricevuto centinaia di migliaia di euro per favorire una azienda per appalti in campo oncologico.

Ci risiamo, nuovo rinvio a giudizio per corruzione per  Formigoni
Cronaca Lecco e dintorni, 18 Settembre 2018 ore 07:47

Domani, 19 settembre, è attesa la sentenza del processo d’appello per l’accusa di corruzione nei confronti di  Roberto Formigoni, nell’ambito del caso Maugeri – San Raffaele ( In primo grado l’ex numero uno del Pirellone era stato condannato a sei anni.)Ma intanto si profilano nuovi guai per il lecchese, già governatore di Regione Lombardia.

Nuovo processo per per corruzione per Formigoni

Sì perchè ieri Formigoni è stato rinviato a giudizio dal giudice per l'udienza preliminare  di Cremona. Sul suo  capo, anche questa volta,  pendono le accuse di  di corruzione e turbativa d’asta nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte tangenti nella sanità lombarda. Secondo l'ipotesi avanzata dai pm che hanno chiesto e ottenuto il suo rinvio a giudizio l’ex-governatore avrebbe ricevuto utilità per 447mila euro  da Massimo Gianluca Guarischi, ex-consigliere lombardo di Forza Italia. In cambio avrebbe concesso un trattamento privilegiato ad una azienda, “Hermex Italia” nell’ambito delle gare d’appalto, in particolare per l'ospedale di Cremona,  per la fornitura di apparecchiature utilizzate in campo oncologico.

Non solo contanti

Formigoni non avrebbe ricevuto solo contanti, ma un orologio di lusso, viaggi in Sudafrica e Croazia, noleggi di aerei ed elicotteri. Nei guai, insieme a lui, è finito anche l’ex direttore generale della sanità lombarda . Ora il nuovo processo per Formigoni si aprirà   27 novembre.