Cronaca
Barzio

Centro Fondo ai Piani di Bobbio: il Tar respinge l'ultimo ricorso, vittoria per il Comune

Sarà la società Docore srls di Cirimido (Como) a gestire il Centro Fondo dei Piani di Bobbio per i prossimi dodici anni

Centro Fondo ai Piani di Bobbio: il Tar respinge l'ultimo ricorso, vittoria per il Comune
Cronaca Valsassina, 16 Novembre 2021 ore 16:18

Sarà la società Docore srls di Cirimido (Como) a gestire il Centro Fondo dei Piani di Bobbio per i prossimi dodici anni (con decorrenza dal 2021, data di aggiudicazione della concessione da parte del Comune di Barzio). Dopo le varie vicende giudiziarie, in ultima istanza anche il Tar della Lombardia (oltre al Consiglio di Stato, ecc.) ha dato ragione al Comune di Barzio ed ha respinto il ricorso presentato dalla società Larioevents. Questa, piazzatasi seconda nella graduatoria per l’assegnazione della gestione della struttura ricettiva, ha ora rinunciato a presentare ulteriori ricorsi/appelli.

Centro Fondo ai Piani di Bobbio: il Tar respinge l'ultimo ricorso

Si chiude così una vicenda che per quasi un anno ha gettato un’ombra d’incertezza sul futuro del Centro Fondo. “I giudici si sono espressi dando ragione all’Amministrazione comunale di Barzio - commenta il sindaco Giovanni Arrigoni Battaia - La decisione dei giudici dimostra che la Commissione, l’Ufficio tecnico e l’avvocato del Comune hanno lavorato correttamente. Ora la società Docore, che in questi mesi ha dovuto affrontare le incertezze per le vicende giudiziarie e quelle dovute all’emergenza sanitaria, può iniziare a lavorare serenamente, facendo progetti per l’avvenire di una struttura turistica importante come il Centro Fondo di Bobbio. A tutto lo staff l’Amministrazione augura un grosso in bocca al lupo e buon lavoro”.

Come detto, la società aggiudicataria gestirà il Centro Fondo per i prossimi dodici anni. Sarà di sua competenza l’intera struttura ricettiva, con bar e ristorante, eccezion fatta per i locali adibiti alla pratica di attività collegate allo sci nordico. Resta, invece, aperto il contenzioso con la Società Trifoglio, precedente gestore della struttura. Per questo il Tribunale Ordinario di Lecco ha fissato l’udienza per il prossimo maggio 2022.