Cronaca
Lieto fine

Capre "invadono" il cimitero: il Comune incontra il proprietario e organizza una... fattoria didattica

"Sono soddisfatto, questa è la dimostrazione che se prevale il buon senso tutti ne possiamo trarre giovamento".

Capre "invadono" il cimitero: il Comune incontra il proprietario e organizza una... fattoria didattica
Cronaca Valsassina, 10 Dicembre 2020 ore 15:35

Capre "invadono" il cimitero: il Comune incontra il proprietario e organizza una... fattoria didattica. Un perfetto esempio di un possibile disagio, o problema, trasformato in opportunità. Teatro della singolare vicenda il Comune di Ballabio dove, nei giorni scorsi alcune caprette sono entrate nel cimitero di via Fiume e hanno "brucato" qua e là, cibandosi anche dei fiori sulle tombe.

Capre "invadono" il cimitero

A raccontare la singolare vicenda è il sindaco di Ballabio Giovanni Bruno Bussola. "Il 27 novembre 2020 degli ovini erano stati rinvenuti all'interno del cimitero di Ballabio Superiore".  Dopo l'incursione dal Comune si è messo in moto per risalire al proprietario degli animali e al motivo che aveva "spinto" gli animali al camposanto. "A seguito dei colloqui avuti con il comandante della Polizia Locale Giovanni Di Maria e l'allevatore Gianmario Nicoli  e, visionata documentazione fotografica, si è potuto appurare che gli ovini siano scappati in quanto spaventati da qualche animale selvatico".

Il Comune incontra il proprietario e organizza una... fattoria didattica

Considerata inoltre la mancanza di danni veri e propri, e constatata la volontà dell’allevatore, abbiamo optato per "una risoluzione utile per tutta la comunità - aggiunge quindi il primo cittadino -  In primavera verrà organizzato un vero e proprio laboratorio didattico, senza costi per il Comune, presso un parco comunale. I bimbi Ballabiesi potranno così vedere da vicino gli animali (pecore, caprette, mucche), scoprire da dove arrivano il latte ed il formaggio e riscoprire il valore delle fattorie. Sono soddisfatto, questa è la dimostrazione che se prevale il buon senso tutti ne possiamo trarre giovamento".