Menu
Cerca

Cambia Calolzio: “Ghezzi predica bene, ma razzola male”

Il gruppo consiliare Cambia Calolzio è tornato sul tema di trasparenza e conflitto di interesse.

Cambia Calolzio: “Ghezzi predica bene, ma razzola male”
Valle San Martino, 18 Ottobre 2019 ore 12:20

Il gruppo consiliare Cambia Calolzio è tornato sul tema di trasparenza e conflitto di interesse. “Apprendiamo dai giornali con stupore la valutazione politica, fatta dal Sindaco Marco Ghezzi, sulla nomina dell’avv. Francesca Rota alla carica di presidente del Parco Adda Nord”

“Il sindaco Ghezzi predica bene, ma razzola male”

“Il primo cittadino denuncia un palese conflitto di interessi sul quale non entriamo nel merito ma ci stupisce la particolare attenzione che ripone su questo argomento mentre pare distratto nei confronti della sua stessa maggioranza dove taluni esponenti approfittano dei ruoli che ricoprono sia internamente che esternamente al palazzo municipale per trarne vantaggi
magari legittimi ma sicuramente inopportuni. Conflitti che il Sindaco ignora costantemente e che discreditano il fine ultimo del fare politica ossia il bene comune – spiegano i consiglieri di Cambia Calolzio, Diego Colosimo e Daniele Vanoli – Affermare, come dichiarato dal Sindaco Marco Ghezzi, che “nell’amministrazione della cosa pubblica si deve essere certamente integri, obiettivi e trasparenti “e che “si deve anche fare di tutto per apparire tali alla cittadinanza” sono belle e condivisibili parole che però non trovano riscontro nei fatti di questa amministrazione. Ricordiamo che il primo cittadino si era altresì impegnato a pubblicare le spese sostenute dalla giunta, in favore della cittadinanza, per le donazioni volontarie relative ad acquisti di materiale di vario genere a compensazione dell’aumento di stipendio che la Giunta si è regalata. Ma ad oggi non ne abbiamo avuto notizia. Un comportamento etico e trasparente, da parte di chi è delegato a governare, è importante per recuperare la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni e pertanto speriamo che d’ora in avanti il Sindaco faccia seguire alle belle parole e ai giudizi severi sugli altri anche i fatti”.