Cambia Calolzio: una lettera al sindaco per salvare la centralina di rilevazione dell’Arpa

In questi giorni Arpa ha formalmente comunicato lo smantellamento della stazione di rilevazione dell’aria in Corso Europa.

Cambia Calolzio: una lettera al sindaco per salvare la centralina di rilevazione dell’Arpa
Valle San Martino, 06 Ottobre 2018 ore 14:04

Il Gruppo Civico Cambia Calolzio ha alzato l'attenzione riguardo allo smantellamento della stazione di rilevazione dell’aria in Corso Europa a Calolziocorte.

"Arpa ha comunicato lo smantellamento"

"Abbiamo appreso che Arpa ha in questi giorni formalmente comunicato, con lettera a firma del Direttore del Settore Monitoraggi Ambientali, Silvia Anna Bellinzona, lo smantellamento della stazione di rilevazione dell’aria in Corso Europa dando la disponibilità ad approfondire situazioni specifiche con laboratori mobili ad alta strumentazione, purché il Comune lo richieda entro il mese di novembre, per permettere la programmazione di tale attività"

"Un valido strumento di monitoraggio"

"Riteniamo importante avere nel nostro territorio un valido strumento di monitoraggio, con controllo costante, dello stato dell’aria in grado di rilevare anche le polveri sottili (PM10 e altri inquinanti), oggi non rilevabili - continua i consiglieri Diego Colosimo e Daniele Vanoli - Avere questi strumenti nella nostra città, anche in ragione dell’enorme criticità del traffico veicolare, consente di sapere cosa respiriamo ma soprattutto rappresenta un importante mezzo per sensibilizzare i cittadini sul rischio sulla salute pubblica di determinati inquinanti e per avviare, di conseguenza, azioni di miglioramento dell’ambiente in cui viviamo"

La lettera al sindaco Ghezzi

"Abbiamo scritto una lettera al Sindaco di Calolziocorte per chiedere sin da subito ad Arpa l’avvio di una campagna di rilevazione dell’aria in punti particolarmente sensibili del nostro territorio, rendendo successivamente pubblici gli esiti di tale rilevazione, chiedendo altresì di farsi promotore nei confronti del Parco Adda Nord per esigere che parte dei 400 mila euro, versati dalla Cartiera dell’Adda e dalla Soc. Sime Energie per la compensazione della centrale a biomassa, vengano utilizzati per installare due centraline pubbliche attive 24 ore su 24 ed opportunamente tarate nel quartiere del Pascolo. Il nostro Gruppo Civico ritiene importante investire nella tutela dell’ambiente e chiediamo che l’amministrazione comunale si impegni in tal senso, come promesso in campagna elettorale"

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter