Valsassina

Cade e si ferisce in montagna: intervento di due ore del Soccorso Alpino per recuperare un 30enne milanese

"In questi giorni molte persone vanno in montagna per escursioni, ciaspolate, sci d’alpinismo o altro: attenzione perché chi pratica attività in ambiente innevato ha l’obbligo di avere sempre con sé Artva (sistemi elettronici di segnalazione e ricerca), pala e sonda, i dispositivi di base per l’autosoccorso"

Cade e si ferisce in montagna: intervento di due ore del Soccorso Alpino per recuperare un 30enne milanese
Cronaca Valsassina, 05 Febbraio 2021 ore 20:51

Cade e si ferisce in montagna: intervento di due ore del Soccorso Alpino per recuperare un 30enne milanese. E’ successo nel pomeriggio di oggi, venerdì 5 febbraio 2021 in Valsassina.

Cade e si ferisce in montagna: intervento di due ore del Soccorso Alpino per recuperare un 30enne milanese

L’allarme, con la richiesta di aiuto è partito intorno alle 15.30. La centrale SOREU dei Laghi (AREU Regione Lombardia) ha attivato la Stazione del Soccorso alpino di Valsassina e Valvarrone per soccorrere un escursionista di trent’anni, residente in provincia di Milano, infortunatosi alla caviglia destra mentre percorreva un sentiero innevato in località Brodino, nel territorio del comune di Margno. Subito la situazione, dal punto di vista sanitario non è parsa preoccupante, ma la zona impervia ha costretto i soccorritori ad un intervento lungo e impegnativo.

Una volta raggiunto, l’infortunato è stato immobilizzato e poi trasportato con la  barella portantina fino all’abitato di Margno, dove c’era l’ambulanza della Croce Rossa di Premana. L’intervento ha impegnato sei tecnici e si è concluso alle ore 17:30. Il 30enne è posi stato trasportato, in codice verde,  all’ospedale di Gravedona.

L’appello del Cnsas

“In questi giorni molte persone vanno in montagna per escursioni, ciaspolate, sci d’alpinismo o altro: attenzione perché chi pratica attività in ambiente innevato ha l’obbligo di avere sempre con sé Artva (sistemi elettronici di segnalazione e ricerca), pala e sonda, i dispositivi di base per l’autosoccorso. È prevista anche una sanzione ma quello che è ancora più importante è che si tratta di strumenti che possono salvare la vita, la propria e quella dei compagni di uscita: metteteli nello zaino e soprattutto imparate a usarli nel modo corretto”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli