Buona affluenza di pubblico alla serata sul gender

Il prossimo appuntamento del ciclo di conferenze sarà martedì 24 ottobre alle ore 20:45 presso la Sala conferenze Palazzo del Commercio a Lecco

Buona affluenza di pubblico alla serata sul gender
13 Ottobre 2017 ore 13:59

Si è tenuta venerdì 6 ottobre, presso la Sala conferenze Palazzo del Commercio a Lecco, la prima delle tre conferenze della seconda fase de “Per fare un bambino ci vuole un villaggio”. Il  ciclo organizzato da Generazione Famiglia di Lecco, CAV Lecco, Comitato DNF e Diesse Lombardia, con il patrocinio del Comune di Lecco, di Confartigianato Imprese Lecco e della Parrocchia San Giovanni. La serata era incentrata sulla questione gender

Questione gender

Buona l’affluenza di pubblico formato prevalentemente da genitori e insegnanti. La relatrice, la dott.sa Chiara Atzori, dirigente medico e scrittrice di numerosi articoli a carattere scientifico, è intervenuta sul tema “La questione gender: antropologie a confronto”.  Il gender, ha ricordato la relatrice, sostenendo il tutto con una lunga serie di citazioni di autori quali Judith Butler,”pretende una rivoluzione basata sulla decostruzione culturale, cioè afferma che tutto è cultura, tutto può essere manipolato e qualsiasi scelta è possibile a prescindere dal biologico per l’individuo umano”.

Il desiderio

“Il gender, radicalmente, afferma il primato del desiderio, non specifica di quale desiderio, anzi sostiene qualsiasi desiderio e in particolare pretende di fare del desiderio dell’essere umano, inteso come macchina desiderante”. In altre parole, ha precisato la Atzori, “il gender afferma, citando H. Moore «i corpi non hanno senso al di fuori dei discorsi che ne definiscono il sesso; i corpi, i loro processi, le loro parti non hanno alcun senso al di fuori dei modelli culturali e sociali che permettono di interpretarli» che l’identità sessuale è il risultato di sovrastrutture culturali e sociali da abbattere, che la sessualità è da liberare in senso polimorfo a seconda delle preferenze soggettive”.

Lotta tra maschio e femmina

“Nella teoria gender incide una lettura di H. Marcuse (Eros e Civiltà – Ed. Einaudi) in cui la differenza sessuale è intesa come disuguaglianza da abbattere: il concetto di lotta di classe non è «politico» ma trasposto su questa differenza maschio-femmina, che non è vista per quello che è, cioè una differenza da accogliere e valorizzare, ma viene interpretata come una disuguaglianza da abbattere”.

Il prossimo appuntamento

Il prossimo appuntamento del ciclo di conferenze sarà martedì 24 ottobre alle ore 20:45 presso la Sala conferenze Palazzo del Commercio a Lecco.

Relatori della serata saranno la psicologa e scrittrice Rossella Semplici  e il neuropsichiatra infantile Paolo Avantaggiato che interverranno sul tema “Famiglia, scuola e società: il valore delle differenze”, un’occasione per parlare di DSA, BES e Legge 104 e di come le differenze possano costituire e rappresentare un’occasione ed una risorsa per la famiglia e per i gruppi classe.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia