Blitz di animalisti vegani alla Sagra della Capra Orobica FOTO VIDEO

Associazione Vegani Italiani, Movimento Etico Tutela Animali e Fronte Animalista lombardo hanno organizzato un picchetto a Casargo.

Valsassina, 19 Novembre 2018 ore 09:06

Blitz di animalisti vegani alla Sagra della Capra Orobica. E' successo sabato in occasione della 28esima edizione della manifestazione.

Pochi animalisti vegani  in protesta

Associazione Vegani Italiani, Movimento Etico Tutela Animali e Fronte Animalista lombardo hanno infatti organizzato un picchetto a Casargo.  "Queste fiere sono sinonimo di sfruttamento per gli animali e per noi sono un'occasione importante per esprimere la nostra protesta ed il nostro dissenso" hanno spiegato i membri dello sparuto gruppetto che ha fatto capolino in Valle. Con slogan  quanto meno coloriti e decisamente poco Politically Correct i manifestanti hanno duramente criticato la tradizionale manifestazione che ha un carattere che va be al di là della dimensione locale.

Sagra della Capra Orobica

Al di là del "siparietto si è registrato l' ennesimo successo per la mostra che, per il ventottesimo anno, ha richiamato in Alta Valsassina allevatori da tutta la regione. Tanti i capi in esposizione e le iniziative collaterali: momenti di festa, condivisione e laboratori didattici per bambini. Corale l'impegno di   Comunità montana, la Pro loco, il Comune di Casargo e l'Associazione degli allevatori della Lombardia ovest.

La capra orobica è tutelata da un Presidio Slow Food

Allevata un tempo da ogni famiglia, oggi la capra orobica popola i pascoli delle alpi orobiche e delle aree alpine e prealpine nelle provincie di Lecco, Sondrio e Bergamo. È una razza a duplice attitudine. Con il latte si producono formaggi a latte crudo tradizionali come il formagìn della Valsassina (un piccolo cilindro dalla pasta leggermente acidificata che si consuma dopo tre giorni), il matuscin della Valtellina (un cilindro appiattito, a coagulazione presamica, dalla stagionatura minima di un mese) e la robiola della Val Brembana (prodotto con la tecnica dello stracchino). Si consuma anche la carne, utilizzando in particolare le capre a fine carriera per la produzione di salumi, tra cui il classico violino….

 

Tutti i particolari sul Giornale di Lecco in edicola da lunedì 19 novembre. Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store)