Bergamo travolta e uccisa in bici a 22 anni era originaria di Calolzio

L'assurda tragedia è avvenuta la notte di Natale.

Bergamo travolta e uccisa in bici a 22 anni era originaria di Calolzio
Valle San Martino, 25 Dicembre 2017 ore 16:54

Tragedia assurda la notte di Natale. Una giovane di soli 22 anni ha perso la vita a Bergamo travolta  e uccisa in bici mentre ritornava a casa. La giovanissima vittima, Amarilli Elena Corti, abitava a Bergamo, ma era nata e per anni aveva vissuto a Calolziocorte.

Travolta e uccisa in bici

La giovane era in sella alla sua bicicletta e stava tornando verso casa, a Bergamo Alta, quando è stata travolta da un’auto, una Citroen Cactus, condotta da un uomo di 41 anni. L’incidente è avvenuto intorno all’una in via Tre Armi. Dopo l’impatto l’investitore si è subito fermato e ha messo in moto la macchina dei soccorsi. Sul posto si sono precipitati  gli uomini del 118 e i volontari della Croce Rossa di Bergamo. Non solo ma in via Tre Armi sono arrivati anche gli uomini della Questura orobica. I soccorritori hanno tentato a lungo di rianimare sul posto la giovanissima, ma per lei non c’è stato nulla da fare. Ai soccorritori non è rimasto che il tragico compito di constatare il decesso della 22enne. La polizia ha messo sotto sequestro la Citroen Cactus e la bicicletta. La strada dov’è avvenuto l’incidente è piuttosto stretta e la dinamica dell’incidente è al vaglio degli agenti.

Un famiglia molto conosciuta

La notizia della morte di Amarilli Elena è arrivata a Calolzio gelando l’intera comunità. Natale davvero tragico nella cittadina della Valle San Martino dove la famiglia della giovanissima era molto conosciuta. La mamma Natalia  in città è chiamata da tutti Rita. Il papà Rudy invece per anni ha lavorato come bibliotecario a Calolziocorte. La famiglia abitava in via Grandi, sul confine con Vercurago.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia