Per il sociale

Auser prende parte al progetto “Time to care”: aperte le candidature

Candidature aperte fino alle 14.30 del 31 ottobre.

Auser prende parte al progetto “Time to care”: aperte le candidature
Lecco e dintorni, 27 Settembre 2020 ore 09:57

Auser provinciale di Lecco, insieme ad Auser Lombardia, partecipa al progetto “Time to care”. Candidature aperte fino alle 14.30 del 31 ottobre.

Auser, progetto “Time to care”

Auser provinciale di Lecco, insieme ad Auser Lombardia, partecipa a un progetto promosso dal Ministero delle Politiche Giovanili, il Servizio Civile e il Ministero per le Politiche della Famiglia, insieme al Forum del Terzo settore, dedicato all’inclusione delle persone anziane. L’iniziativa si chiama “Time to care” e vuole promuovere lo scambio tra generazioni, promuovendo la formazione civica, sociale, culturale e professionale degli under 35.

In cosa consiste il progetto

Dieci ragazzi saranno impegnati in attività tradizionali per l’associazione, come l’assistenza a domicilio o a distanza degli anziani e attività di welfare “leggero”. Ma si occuperanno anche di progetti innovativi, a partire dalla sperimentazione delle videochiamate per migliorare e rendere ancora più efficace il servizio di telefonia sociale.
Auser stipulerà con i collaboratori prescelti un contratto di collaborazione coordinata e continuativa della durata di sei mesi 6. Il compenso mensile previsto è di € 375 al netto di tutte le ritenute previdenziali, assistenziali e fiscali previste dalla normativa vigente escluse quelle a carico del Committente.

Come inviare le candidature ed entro quando

Le candidature sono aperte, in allegato il bando con le modalità di partecipazione. Gli interessati possono presentare domanda, ESCLUSIVAMENTE utilizzando il modulo scaricabile a questo link, inviandolo via p.e.c. all’indirizzo leucum@pec.auserinrete.it entro le 14.00 del 31 ottobre 2020.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia