Menu
Cerca

L’ASST di Lecco aderisce alla Giornata Nazionale della Gentilezza

Favini: "È stata istituita un’apposita giornata perché, purtroppo, troppo spesso ci dimentichiamo di essere gentili verso gli altri"

L’ASST di Lecco aderisce alla Giornata Nazionale della Gentilezza
Lecco e dintorni, 10 Novembre 2019 ore 14:28

Anche l’ASST di Lecco aderisce, per la prima volta il prossimo 13 novembre, alla Giornata Nazionale della Gentilezza che, per l’occasione, verrà celebrata al Mandic di Merate.

L’ASST di Lecco aderisce alla Giornata

“È stata istituita un’apposita giornata nazionale – dichiara Paolo Favini, Direttore Generale dell’ASST di Lecco – per ricordarci di essere gentili perché purtroppo, troppo spesso nella nostra quotidianità, ci dimentichiamo di essere gentili verso gli altri, verso le persone che ci stanno più vicine”.

Una giornata all’insegna della gentilezza e della buona educazione

Durante questa speciale giornata, gli operatori comunali incoraggeranno cittadini e utenti che accedono al Mandic a svolgere azioni e attività volte alla promozione della buona educazione e della gentilezza. L’evento, che si svolgerà nella Hall del nosocomio meratese, è stato organizzato in stretta collaborazione con il Comune di Carnate, promotore della particolare iniziativa.

Nava: “Un valore che purtroppo è andato perduto”

“Con questa prima giornata, qui a Merate – spiega il Sindaco di Carnate, Daniele Nava – vogliamo celebrare la gentilezza, una parola semplice all’apparenza che invece racchiude al suo interno un valore che, purtroppo, è andato perduto nella società contemporanea in cui viviamo oggi. Un società per certi versi innovativa, ma sempre in corsa – continua il Primo Cittadino – che in questa corsa ha perso alcuni dei valori fondanti, basilari, tra i quali la gentilezza: quel complesso di gesti semplici di attenzione all’altro, non solo di buona educazione e di aiuto”.

“Per praticare gentilezza bisogna essere coraggiosi”

“Essere gentili non è facile. Nell’era moderna per praticare gentilezza bisogna essere coraggiosi, quasi rivoluzionari, andare in contro tendenza a quella che è una società spesso caratterizzata da egoismo” affermano all’unisono Favini e Nava. “I problemi quotidiani, in qualsiasi situazione essi si presentino, si risolvono col dialogo, con l’aiuto delle persone che ci stanno vicine, con la condivisione e con gesti e parole sempre gentili”.