Cronaca

Al Manzoni di Lecco spesi 800 euro per una poltrona, ma niente soldi per la scala allagata VIDEO

La denuncia della forte contraddizione all'interno dell'ospedale.

Cronaca Lecco e dintorni, 12 Novembre 2018 ore 10:40

L’ultima "pietra dello scandalo" all'ospedale Manzoni di Lecco è di pelle e ha i braccioli: è una poltrona anatomica da 800 euro ordinata per l’ex Direttore Generale.

Al Manzoni 800 euro per una poltrona, ma niente soldi per la scala allagata

Si sa, assumere una posizione corretta e confortevole alla scrivania è fondamentale. Sono proprio i medici a consigliarlo. E su questo nulla da ridire. Ma quando i soldi pubblici vengono investiti in  "comodità" e non in sicurezza, i dubbi sorgono spontanei. Sì perchè mentre la schiena della dirigenza non "rischia" di contrarsi, gli utenti, ma anche i medici e gli infermieri del Manzoni che devono fare le scale dell'ospedale quando fuori piove rischiano di... spezzarsela la schiena.

Il video della scala allagata

La tromba di una delle scale  di servizio ai piani dell’ospedale Manzoni si allaga e sgocciola a ogni ondata di maltempo.  Succede da anni. Basta guardare questo video girato in questi giorni  (e si noti bene, non durante l'ondata anomala di maltempo!!!) per rendersi conto della gravità della situazione.

 

Mancano i soldi  per metterci una... pezza?  Un sindacalista punta il riflettore su un «altro» acquisto, recente  e quanto meno contraddittorio...

Spesi 800 euro per una poltrona

Stiamo parlando appunto della poltrona anatomica. La "seduta" infatti , spiega Ellis Foschini dirigente sindacale Usb PI Lombardia, era destinata al dg Stefano Manfredi. Non si sa se lo stesso alto dirigente abbia poi avuto modo di sperimentare le rilassanti proprietà della seduta, visto che a giugno è stato promosso e trasferito all’istituto Tumori di Milano

LEGGI ANCHE  Il dottor Stefano Manfredi lascia l’ospedale di Lecco

Tante polemiche in ospedale

Dai soldi spesi per realizzare una sala fumatori all'interno del blocco operatorio (nonostante le campagne anti fumo di Asst e Ats) alla insicurezza del blocco operatorio stesso dove qualcuno è persino riuscito a penetrare, dormire e fare i propri bisogni... Senza dimenticare il caos parcheggi! Ultimamente le proteste all'ospedale di Lecco non sono certo mancate!

LEGGI ANCHE

Si accampa e “fa i bisogni” in sala operatoria: caos al Manzoni, interventi rimandati

Sala fumatori in ospedale a Lecco: il caso arriva in Regione

Un pagina speciale sul Giornale di Lecco in edicola da oggi, lunedì 12 novembre.Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store)