“Esserci sempre”

90enne cade dalla sedia a rotelle: i poliziotti sfondano la porta per soccorrerla

Provvidenziale intervento gli agenti della  Squadra Volanti della Questura di Lecco

90enne cade dalla sedia a rotelle: i poliziotti sfondano la porta per soccorrerla
Cronaca Lecco e dintorni, 14 Luglio 2021 ore 16:41

90enne cade dalla sedia a rotelle: i poliziotti sfondano la porta per soccorrerla. E' successo nella mattinata di ieri, martedì 14 luglio 2021 a Lecco.

90enne cade dalla sedia a rotelle: i poliziotti sfondano la porta per soccorrerla

LEGGI ANCHE Statale 36 chiusa dopo l'incendio del bus, il prefetto: "Stiamo lavorando con Anas"

A trarre in salvo la 90enne stati gli agenti della  Squadra Volanti della Questura di Lecco che sono intervenuti in via Perpetua nel rione di Acquate, per una segnalazione di grida di aiuto provenienti da un’abitazione non meglio indicata. Sul posto i poliziotti sono riusciti in breve tempo ad individuare la casa  dove si udivano dei lamenti e chiare richieste di aiuto da parte di una voce femminile. A quel punto  sono stati subito allertati anche gli uomini del 118 e dei Vigili del Fuoco.

Nell’attesa la donna continuava a richiedere aiuto con tono di voce sempre più debole: una situazione che ha fatto preoccupare non poco i poliziotti che hanno deciso di passare all'azione prima dell’arrivo dei Vigili del Fuoco e di entrare nell’abitazione forzando la porta d’ingresso.  I poliziotti hanno trovato la donna  in cucina,  riversa in terra accanto alla propria carrozzina, cosciente e palesemente stremata. 

Gli uomini della  Volante le hanno prestato  subito assistenza mettendola in posizione di sicurezza, confortandola e tranquillizzandola.

La signora, che abita sola nell’appartamento, una volta a suo agio, in attesa del personale medico per le cure del caso,  ha raccontato ai poliziotti che mentre era seduta sulla sedia della cucina, nell’allungarsi per prendere le ciabatte, perdeva l’equilibrio e scivolava a terra; a quel punto, non riuscendo più a rialzarsi ha iniziato  a chiedere aiuto urlando, nella speranza che qualcuno la sentisse e potesse aiutarla. Anche questo è “Esserci sempre”.