Attualità
Lotta al Covid

Terza dose: Auser in campo per sostenere gli anziani nelle prenotazioni e per portarli al Palataurus

Chi ha bisogno di aiuto può contattare Auser Leucum al numero 0341252970, dal lunedì a giovedì, dalle 9.30 alle 12 e dalle 15 alle 17.

Terza dose: Auser in campo per sostenere gli anziani nelle prenotazioni e per portarli al Palataurus
Attualità Lecco e dintorni, 24 Novembre 2021 ore 15:13

Auser in prima linea nella campagna vaccinale in provincia di Lecco. L’associazione, attraverso i volontari dei servizi di telefonia e accompagnamento sociale, sta effettuando le prenotazioni per la terza dose del vaccino anti covid per conto degli anziani o delle persone fragili che hanno difficoltà a prendere in autonomia l’appuntamento per l’iniezione. Allo stesso tempo, con la sua flotta di veicoli sta portando all’hub vaccinale del Palataurus chi ha difficoltà a spostarsi da solo e non ha una rete familiare o amicale che lo supporta. Chi ha bisogno di aiuto può contattare Auser Leucum al numero 0341252970, dal lunedì a giovedì, dalle 9.30 alle 12 e dalle 15 alle 17.

LEGGI ANCHE Terza dose, già 2 milioni di adesioni in Lombardia. A Lecco l'hanno ricevuta in 27mila

Terza dose: Auser in campo per sostenere gli anziani nelle prenotazioni

Non solo. I volontari di Auser sono attivi, insieme alla protezione civile, anche per supportare la campagna vaccinale antinfluenzale, e in particolare i centri per la somministrazione delle dosi realizzati in via Seminario a Lecco e presso l’oratorio di Castello, per conto del Comune di Lecco e dei medici di medicina generale della cooperativa Cosma. Auser si occupa della misurazione della temperatura all’ingresso e gestisce il mantenimento della distanza interpersonale dei pazienti.

“Riteniamo importante sostenere, in particolare questa delicata fase di ripresa della pandemia, la campagna vaccinale anti covid – spiega il presidente di Auser provinciale Lecco, Claudio Dossi - come pure siamo orgogliosi di poter aiutare il Comune e i medici di base nel servizio di vaccinazione antinfluenzale. La capacità di fare rete, la collaborazione tra istituzioni e associazioni, si sta rivelando ancora una volta fondamentale per la nostra comunità, e in particolare per il sostegno di chi è più solo e fragile”.