Trasporti

Lecco-Milano più vicine grazie ai nuovi treni Caravaggio

Viaggi più comodi, puntuali e anche più sicuri. A settembre tutto il materiale rotabile della linea sarà rinnovato mandando in pensione i treni vecchi.

Lecco-Milano più vicine grazie ai nuovi treni Caravaggio
Attualità Lecco e dintorni, 14 Giugno 2021 ore 15:19

Buona la prima. Viaggio di inaugurazione in perfetto orario oggi, lunedì 14 giugno 2021 per uno dei nuovi Treni Caravaggio  in funzione sulla linea S8 Lecco Milano. Tra ieri  la fine di questa settimana entreranno progressivamente in servizio quattro nuovissimi  convogli Caravaggio, che vanno ad  aggiungersi a  un quinto già in circolazione. I nuovi mezzi  porteranno a 49 il numero complessivo delle corse effettuate sulla linea con treni di ultima generazione ad alta capacità. A "testare" in prima persona la bontà del servizio su una delle linee più martoriate, questa mattina, è stata l'assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi che è salita a bordo nella stazione di Cernusco Merate per poi arrivare a Lecco.

Lecco-Milano più vicine grazie ai nuovi treni Caravaggio

Sul binario 1 della stazione del capoluogo, ad aspettarla, c'era il sindaco di Lecco Mauro Gattinoni. Con lui il collega calolziese Marco Ghezzi. Non potevano mancare il presidente della Provincia Claudio Usuelli, il consigliere regionale lecchese Mauro Piazza e il sottosegretario regionale Antonio Rossi. Un "comitato di benvenuto" delle grandi occasioni per una occasione davvero grande ,  quella di vedere più sicurezza e più efficienza nel trasporto pubblico su ferro. Un servizio che, grazie agli investimenti di Trenord, Rfi, e Regione vede Lecco e Milano più vicine.

 

Viaggi (otto le corse giornaliere)  più comodi grazie agli 890 posti a sedere a doppia composizione  e senza dubbio più sereni e anche grazie da una parte alle telecamere di videosorveglianza, e dall'altra grazie al servizio offerto dagli addetti alla sicurezza che sono stati voluti da Trenord a bordo dei treni. Al momento sono  una quarantina quelli operativi, ma il numero è destinato ad aumentare.

Le caratteristiche dei nuovi treni

L’ampia disponibilità di posti offerta dai nuovi convogli si accompagna a un ambiente di viaggio confortevole – grazie a sistemi di climatizzazione autoregolati e di illuminazione LED, prese elettriche e USB utili per la ricarica dei dispositivi mobili – e accessibile. I treni sono dotati di soluzioni audio e video per l’informazione a bordo e, come detto,  di 50 telecamere per la videosorveglianza.

LEGGI ANCHE Il True Value di Trenord. E i nuovi treni sulla Milano Lecco

L'assessore Claudia Maria Terzi

"E confortante vedere la soddisfazione dei viaggiatori lombardi per questi convogli all'avanguardia  -  ha sottolineato l'assessore Terzi - La S8 era una delle linee più critiche e necessitava di un intervento massivo: da qui ai prossimi giorni saranno 5 i Caravaggio in funzione, e a settembre tutto il materiale rotabile della linea sarà rinnovato mandando in pensione i treni vecchi ereditati dallo Stato centrale".
"La situazione è in miglioramento, basti pensare che negli ultimi mesi sono stati azzerati i bonus (ovvero il rimborso degli abbonamenti ai pendolari che viaggiano sulle linee ferroviarie che  non hanno rispettato lo standard di affidabilità previsto dal Contratto di Servizio). Ora l'obiettivo, anche e soprattutto grazie alla campagna vaccinale, è quello di modificare le regole sulla capienza dei treni in vista di settembre".

 

Il sindaco di Lecco Mauro Gattinoni

Sodisfatto il sindaco del capoluogo Mauro Gattinoni: "E' una grande innovazione che rende Lecco e Milano più vicine. Il treno è, e lo sarà ancora di più, il mezzo più sicuro per muoversi e sarà ancora più puntuale e più preciso".

 

Il sottosegretario Rossi

“Ancora una volta – aggiunge il sottosegretario Antonio Rossi – la Regione Lombardia si conferma molto attente alle esigenze dei territori intervenendo là dove c’è più bisogno e migliorando l'esperienza di viaggio dei nostri pendolari. I nuovi treni efficientano dunque il servizio su una linea nevralgica per il territorio lecchese”.

Mario Stojanovic