Attualità
Importante intervento

L’attesa è terminata: Olginate ha finalmente un “nuovo” lungolago

Si è trattato di fatto di un restyling completo, che ha interessato diversi aspetti e che è stato finanziato con un cospicuo investimento di circa 650.000 euro

L’attesa è terminata: Olginate ha finalmente un “nuovo” lungolago
Attualità Lecco e dintorni, 20 Gennaio 2022 ore 17:25

L’attesa è terminata: Olginate ha finalmente un “nuovo” lungolago. È stato infatti riaperto nella giornata di martedì 18 gennaio, il tratto di lungolago, compreso fra le località Pescatori e Balugani, che negli scorsi mesi era stato chiuso al transito di pedoni e biciclette per consentire i lavori di riqualificazione dell’intera area.  Lavori che invero si sono protratti un po’ oltre il dovuto a causa delle difficoltà riscontrate nel reperire i materiali.

L’attesa è terminata: Olginate ha finalmente un “nuovo” lungolago

Si è trattato di fatto di un restyling completo, che ha interessato diversi aspetti e che è stato finanziato con un cospicuo investimento di circa 650.000 euro ottenuti in gran parte da fondi pubblici: circa 300.000 euro sono giunti a Olginate da Regione Lombardia e altri 140.000 euro dal Parco Adda Nord a titolo di compensazione ambientale richiesta alla Cartiera dell’Adda.

È direttamente il sindaco, Marco Passoni a fare il punto della situazione sui lavori effettuati lungo l’alzaia: "Come amministrazione siamo più che soddisfatti del risultato che è sotto gli occhi di tutti. È un altro progetto che abbiamo portato a termine nei costi e nei tempi previsti”.

WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.17.37
Foto 1 di 3
WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.15.53
Foto 2 di 3
lungolago
Foto 3 di 3

Diverse le opere realizzate durante il periodo di chiusura che hanno riguardato principalmente una sorta di riorganizzazione degli spazi già esistenti e la creazione di alcune migliorie: “Prima di tutto abbiamo realizzato un nuovo camminamento differenziando il percorso pedonale da quello ciclabile. - spiega il primo cittadino - Inoltre, abbiamo realizzato un campo da beach volley e un’area cani attrezzata, risistemato e traslato il parco giochi per i più piccoli, ripulito tutta la zona e piantumato nuove essenze. Infine, abbiamo realizzato il nuovo chiosco e la nuova illuminazione pubblica con lampioni a led”.

WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.20.43
Foto 1 di 3
WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.20.43 (1)
Foto 2 di 3
WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.20.41
Foto 3 di 3

A questi interventi necessari a rendere più vivibile e fruibile tutta la zona, si andranno ad aggiungere quelli relativi alla videosorveglianza che dovrebbe vedere nel giro di poco l’installazione di 10 nuove telecamere lungo tutto il percorso.

Entusiasti gli olginatesi

Non si sprecano i commenti degli olginatesi, che in questi primi giorni si soffermano lungo il nuovo percorso: “Era da diverso tempo che serviva una bella sistemata a questa zona - afferma il signor Angelo Corti, mentre guarda divertire sulla nuova area giochi i due nipotini - devo dire che ora è tutto molto più ordinato e organizzato oltre che sicuramente bello da vedere. Ci voleva, niente da dire”.

WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.21.25
Foto 1 di 4
WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.21.24
Foto 2 di 4
WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.20.45
Foto 3 di 4
WhatsApp Image 2022-01-20 at 14.20.44
Foto 4 di 4

Commenti positivi sono giunti anche al sindaco Passoni: “Per ora, ho ricevuto diversi apprezzamenti - spiega - e pochissime critiche. La maggior parte di esse è rivolta al nuovo chiosco e in particolare al materiale con cui è stato realizzato. Alcune persone avrebbero preferito venisse costruito con materiali differenti ma abbiamo preferito realizzarlo in questo modo privilegiando l’aspetto funzionale in modo da avere una struttura pronta in tutti i suoi aspetti alla sua apertura in primavera dopo il bando di gestione”.

Da non sottovalutare, infine, l’aspetto “Green” di questi interventi: i percorsi sono realizzati in cemento drenante, in piena coerenza con la natura del Parco dell'Adda. Proprio in quest'ottica sono state anche piantumate una quantità importante di alberi ed essenze autoctone che vanno a creare una fascia ripariale per la fauna locale valorizzando ulteriormente tutta la zona”.

Luca De Cani

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter