Attualità
Tutto il lecchese è con lui

Il piccolo Achille sottoposto al terzo intervento chirurgico

I genitori: "Non smetteremo mai di ringraziare tutti voi per il sostegno che ci avete dato in questi mesi, ora sappiamo di aver fatto tutto il possibile per Achille, questo ci dà tanta forza e speranza per il futuro"

Il piccolo Achille sottoposto al terzo intervento chirurgico
Attualità Valle San Martino, 01 Dicembre 2022 ore 14:01

Arrivano buone notizie dall’America per il piccolo Achille Losa, il bimbo calolziese affetto da una malattia ultra rara che lo ha reso cieco dalla nascita e diventato nel giro di poco tempo il “cucciolo” di tutto il territorio lecchese.

Il piccolo Achille sottoposto al terzo intervento chirurgico

Dopo le prime due operazioni agli occhi eseguite a Detroit dallo staff del dottor Antonio Capone, luminare di fama mondiale sulla Patologia di Norrie, il piccolo è stato infatti sottoposto proprio nelle scorse ore al terzo intervento, nuovamente all’occhio sinistro.
Ad aggiornare la comunità sono stati gli stessi genitori di Achille, Sara Rusconi e Simone Losa, che come già accaduto in precedenza hanno affidato alla pagina web della raccolta fondi le loro parole: “Questa mattina Achille è stato operato per la terza volta dal Dottor Capone che, dopo un controllo approfondito, è intervenuto nuovamente sull'occhio sinistro. La situazione si è rivelata più complicata del previsto e, purtroppo, oggi non è stato possibile ottenere ulteriori miglioramenti”.

Durante l'intervento il luminare ha potuto esaminare anche l'occhio destro, operato lo scorso mese di settembre

“Da questa parte - continua papà Simone - ha trovato una condizione molto migliorata ed è possibile continuare a sperare nella percezione della luce che verrà valutata solamente con il tempo e la crescita di Achille. Dato il buon risultato ottenuto su quest'occhio, il Dottore non ritiene opportuno intervenire ulteriormente, si continuerà a monitorare la situazione con controlli periodici”.

Una speranza per il cucciolo

L'obiettivo finale, come spesso ricordato dai genitori, è quello di poter regalare al proprio piccolo una speranza. Quella speranza che permetterebbe loro di mantenere aperta una porta su un futuro migliore per il proprio piccolo.

Prosegue la gara di solidarietà per Achille

Intanto, non accenna a fermarsi la gara di solidarietà che si è scatenata ormai da mesi in tutta la Provincia con la raccolta fondi che, dopo aver sforato l’obiettivo iniziale dei 400.000 euro, continua ininterrotta senza sosta dopo aver raggiunto i 417.000 euro.
“Non smetteremo mai di ringraziare tutti voi per il sostegno che ci avete dato in questi mesi, ora sappiamo di aver fatto tutto il possibile per Achille, questo ci dà tanta forza e speranza per il futuro - concludono i genitori - “Grazie di cuore. Simone, Sara e Achille”.

Luca de Cani

Seguici sui nostri canali