Attualità
un'iniziativa per sostenere i più economicamente fragili

Il "Baratto amministrativo" approda a Carenno

I cittadini in difficoltà potranno avere uno sconto sulle tasse in cambio di lavori pubblici

Il "Baratto amministrativo" approda a Carenno
Carenno Pubblicazione:

Il "Baratto amministrativo" approda a Carenno: i cittadini in difficoltà potranno avere uno sconto sulle tasse in cambio di lavori di pubblica utilità.  Ad annunciare l’introduzione di questa nuova forma di aiuto sociale in paese è stato il sindaco Luca Pigazzini che ha spiegato come di fatto, il "Baratto amministrativo" consista nell’offrire una possibilità a quei cittadini di Carenno che, non riuscendo a saldare i propri debiti nei confronti dell’Amministrazione comunale, in primis per il pagamento di tributi come Tari e Imu, potranno chiedere di "barattare" qualche ora di lavoro socialmente utile con uno sconto.

Il "Baratto amministrativo" approda a Carenno

Tra le attività che verranno proposte, sotto forma di veri e propri progetti mirati, vi potranno essere per esempio il taglio dell’erba in alcuni spazi verdi pubblici, la potatura delle siepi attorno ai monumenti, la sistemazione di arredo urbano deteriorato o la riverniciatura di panchine, staccionate e recinzioni che abbiano bisogno di essere rinfrescate.

"I cittadini - ha spiegato il sindaco Luca Pigazzini - potranno contare su questa possibilità già dall’autunno. All’interno del prossimo consiglio comunale procederemo ad approvarne il regolamento e, dopo il via libera dell’apposita commissione, verrà istituito ufficialmente il Baratto amministrativo. Successivamente, faremo in modo di predisporre alcuni progetti, composti da moduli di 8 ore ciascuno, a cui verrà sostanzialmente attribuito un valore di 60 euro. In base al debito accumulato, ciascun cittadino che chiederà di partecipare potrà scegliere uno o più moduli accumulando il credito".

Una volta individuati i progetti e la relativa suddivisione in moduli, l’Amministrazione comunale provvederà alla pubblicazione del bando a fronte del quale, in base alle domande di adesione, si procederà all’assegnazione dei progetti (in caso di richieste in eccedenza rispetto alle iniziative disponibili l’assegnazione avverrà in base ad una graduatoria stilata in base a Isee, disoccupazione o cassa integrazione del richiedente e numero di componenti del nucleo familiare).

"Il nostro obiettivo - ha concluso il primo cittadino - è quello di individuare i progetti e uscire con il bando entro il mese di novembre".

Luca De Cani

Seguici sui nostri canali