Menu
Cerca
Lotta al virus

A fine giugno chiude l'hub vaccinale della Valsassina

Favini: "Non dovrebbero esserci criticità per completare le vaccinazioni entro giugno, eventualmente sarà possibile valutare un prolungamento delle attività".

A fine giugno chiude l'hub vaccinale della Valsassina
Attualità Valsassina, 24 Maggio 2021 ore 08:26

Un mese circa: è l'orizzonte temporale entro il quale dovrà essere valutata una soluzione alternativa per la somministrazione di dosi di vaccino nel bacino più a nord della provincia di Lecco. Sì perchè a fine giugno chiude l'hub vaccinale della Valsassina inaugurato lo scorso 26 aprile 2021 all'interno della sede della Comunità Montana a Barzio.

A fine giugno chiude l'hub vaccinale della Valsassina

E' quanto emerso durante l'assemblea dei sindaci che si è riunita nei giorni scorsi (qui il verbale integrale dell'incontro). E' stato il presidente dell'assemblea Guido Agostoni a ricordare infatti che Agostoni  che il centro vaccinale della Valsassina 2dovrà chiudere entro fine giugno, come da accordi previsti in fase di apertura". Proprio per questo, ha aggiunto Agostoni " Sarà importante vaccinare più persone possibili prima del termine delle attività".

Un centro inizialmente non previsto

Dal canto suo il dottor Paolo Favini, direttore generale della Asst di Lecco ha ricordato "che l’apertura del centro, non prevista inizialmente dalla Regione, è stata fortemente voluta dal Distretto e dai Sindaci che hanno avuto il pieno appoggio da parte di ATS e ASST". Non solo ma ha anche specificato che  "non dovrebbero esserci criticità per completare le vaccinazioni entro giugno, eventualmente sarà possibile valutare un prolungamento delle attività".

La campagna vaccinale

Al momento la campagna vaccinale nel Lecchese procede in maniera assolutamente spedita tanto che ormai da gironi la nostra provincia è prima in Lombardia per percentuale di somministrazioni.

Oltre il 45% dei lecchesi inserito nel target vaccinale ha infatti ricevuto almeno una dose con punte di eccellenza intorno al 60% come Valvarrone e Bellano. I comuni con le percentuali più basse, Calco, Castello, Lomagna e La Valletta si avvicinano comunque a percentuali poco sotto il 40%