Attualità
Viabilità

85 milioni di euro per due nuovi ponti sull'Adda che mandano in pensione il San Michele

Resterà un grande monumento di archeologia industriale, con la prospettiva di utilizzarlo per i collegamenti ciclopedonal

85 milioni di euro per due nuovi ponti sull'Adda che mandano in pensione il San Michele
Attualità Meratese, 05 Agosto 2022 ore 18:00

Paderno-Calusco: in arrivo 85 milioni di euro per due ponti, stradale e ferroviario, sull'Adda.  Le risorse sono destinate ai nuovi viadotti a scavalco sul fiume  tra Paderno e Calusco. Si tratta di due infrastrutture che, sottolineano dal Pirellone, "saranno determinanti per migliorare la mobilità tra la Brianza meratese e l'Isola bergamasca".

Paderno-Calusco: in arrivo 85 milioni per due ponti stradale e ferroviario sull'Adda

"I finanziamenti per i nuovi ponti, uno ferroviario e l’altro stradale tra Paderno e Calusco d'Adda – ha spiegato l'assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi- sono stati inseriti nel Contratto di programma tra Stato ed Rfi su sollecitazione di Regione Lombardia".  I fondi sono stati allocati nel Contratto di programma 2022-2026 e riguardano la progettazione del nuovo attraversamento ferroviario e stradale e la realizzazione del nuovo ponte ferroviario. La denominazione dell'investimento è la seguente: 'Potenziamento Carnate - Ponte San Pietro 1^ fase Nuovo ponte ferroviario Paderno d'Adda'.

 

I collegamenti tra Lecco e Bergamo

"Gli 85 milioni messi in campo - ha proseguito l'assessore regionale ai Trasporti - sono un passaggio fondamentale per rendere più efficienti i collegamenti tra Lecco e Bergamo, due tra i territori più produttivi d'Italia e che meritano infrastrutture funzionali. Il nuovo ponte ferroviario migliorerà e velocizzerà la direttrice tra Bergamo e Milano, consentendo anche su quella linea di far circolare i nuovi treni acquistati col finanziamento di Regione Lombardia. Mentre il nuovo ponte stradale porrà fine al 'collo di bottiglia' che genera code, ritardi e rallentamenti".

Il futuro del Ponte San Michele

L'attuale Ponte San Michele (attualmente candidato a diventare patrimonio dell'umanità) , di grande pregio storico "ma inadeguato alle attuali esigenze viabilistiche e ferroviarie" (entro nove anni il Ponte non sarà più in esercizio), resterà un grande monumento di archeologia industriale, con la prospettiva di utilizzarlo per i collegamenti ciclopedonali.

"Lo stanziamento - ha concluso l'assessore regionale - dimostra che il pressing di Regione nei confronti di Rfi e dello Stato sta ottenendo risultati significativi. Il prossimo passo, per lo Stato e per Rfi, dovrà essere il finanziamento per la realizzazione del ponte stradale".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter