Altro
Lecco

Passerella in via Porta: lavori al via il giorno dei morti

I lavori dureranno fino a maggio dell'anno prossimo. A breve aprirà anche il cantiere per la riqualificazione del ponticello in via Galandra sul Gerenzone. Budget dei due progetti: 610mila euro.

Passerella in via Porta: lavori al via il giorno dei morti
Altro Lecco e dintorni, 29 Ottobre 2021 ore 12:26

Si apre martedì prossimo, 2 novembre, Giorno dei Morti,  il cantiere per la realizzazione della nuova passerella pedonale sul torrente Caldone in via  Carlo Porta a Lecco. L'annuncio  arriva dall'assessore ai Lavori Pubblici Maria Sacchi.

Restyling della passerella al via dal 2 novembre

Si tratta del primo dei due interventi "gemelli" finanziati dall'Amministrazione comunale con 610mila euro. Le due passerelle - quella in via Porta e un'altra in via Galandra a scavalco del Gerenzone -  erano state interdette al passaggio dopo essere state periziate come pericolose dal punto di vista statico. Sono occorsi un po' di mesi per arrivare ai progetti di riqualificazione che sono stati presentati  a metà dello scorso mese di settembre in commissione consiliare.

Le opere, affidate dal Comune di Lecco all'impresa appaltatrice Quadrio Gaetano Costruzioni di Morbegno, inizieranno in due momenti differenti: in via Carlo Porta i lavori partiranno appunto martedì 2 novembre, mentre in via Galandra si comincerà a lavorare  da lunedì 15 novembre. La conclusione di entrambe le opere è prevista per il 14 maggio 2022.  "Inizialmente l'avvio dei lavori era previsto, nell'ordine, in via Galandra e successivamente in via Porta, ma per via di un cantiere privato già allestito nei pressi della pima, abbiamo preferito riformulare in questo modo il cronoprogramma degli interventi - ha spiegato l'assessora Sacchi -  La conclusione dei lavori è attesa per maggio, quando, con la bella stagione, questi due passaggi saranno di nuovo a disposizione della collettività".

La cantierizzazione in via Porta, strada pedonale che collega il centro commerciale delle Meridiane con il centro cittadino, potrebbe però creare intoppi nel periodo delle festività natalizie, dal 6 dicembre al 6 gennaio: di questo l'Amministrazione comunale ha già detto che terrà conto, garantendo  particolare attenzione alla pedonabilità  e alla sua sicurezza.

passerella via Porta lecco progetto

 

Il progetto di riqualificazione all'insegna del corten

Chiuse dal novembre 2020 con un’ordinanza perché pericolose, a rischio di collassare da un momento all’altro, le passerelle pedonali di via Galandra e via Carlo Porta torneranno in uso all’insegna del «corten». La lega di acciaio, particolarmente resistente agli effetti deleteri dell’ossidazione, è il materiale principe dei progetti di riqualificazione delle due infrastrutture presentati lo scorso settembre in Commissione I dall’assessore Maria Sacchi.

610mila euro per le due passerelle

L’importo complessivo di spesa per i due interventi è di ben 610mila euro , 200mila dei quali finanziati dalla Regione. «Il primo studio di fattibilità da noi commissionato non soddisfaceva completamente i nostri input sull’opera che resterà per la città, specialmente per la passerella in via Carlo Porta che va a inquadrarsi con lo sviluppo del polo adiacente di Villa Manzoni e la rigenerazione urbana dell’area della Piccola - aveva allora spiegato l’assessore alla Cura della città - Si è quindi dato incarico ad altri professionisti che hanno elaborato il progetto definitivo e esecutivo».

La passerella di via Galandra sul Gerenzone

Per le due opere si è contemplato l’impiego di materiali identici e di un’analoga scelta stilistica: acciaio corten per le balaustre e pavimentazione in larice. Prevista l’eliminazione delle barriere architettoniche, ovvero delle scalette di collegamento con il livello della strada: l’accessibilità a carrozzine, a persone con difficoltà di deambulazione ma anche alle biciclette, sarà garantita realizzando uno scivolo di asfalto con una pendenza unica dell’7% in via Galandra e dell’8% in via Porta. La larghezza della passerella di via Galandra sarà ampliata fino a 170 centimetri (adesso è un metro), comprendo la condotta fognaria che corre sul lato sinistro («Non quella del gas invece non si può toccare»). Il guscio in corten sarà pieno sul lato a monte del Gerenzone, mentre sul lato a valle sarà lamellare, consentendo così di vedere il deflusso del torrente verso sud.

L'attuale passerella sul Gerenzone a Castello in via Galandra

Via Porta: con la passerella si vuole cambiare un angolo della città

Più complesso e ambizioso il disegno di riqualificazione del ponticello pedonale in via Porta. L’Amministrazione Gattinoni intende cambiare decisamente volto al passaggio pedonale lungo il Caldone. Qui andrà rifatto anche il muro di parapetto che affianca il torrente, compromesso dalla spinta di un grande albero. Il noto «Bar River» dopo la riqualificazione potrà godere di maggiore intimità («I pedoni non gli passeranno più in mezzo»). La nuova passerella risulterà spostata rispetto l’attuale, grazie a una scala ci sarà la possibilità di salire e scendere verso il centro la Meridiana. Si realizzerà anche la riqualificazione della pavimentazione, impiegando il «levocell», un calcestruzzo effetto ghiaia con inserimenti beola grigia).

L'attuale passerella in via Porta sul Caldone