Menu
Cerca

Albero di Natale: quello a KM 0 salva i terreni lariani

Per produrlo sono necessari fino a 15 anni di lavoro, grazie alle imprese che presidiano le aree montane. I consigli di Coldiretti Como Lecco per mantenerlo a lungo a casa.

Albero di Natale: quello a KM 0 salva i terreni lariani
Altro Lecco e dintorni, 07 Dicembre 2019 ore 10:00

L’albero di Natale naturale e a km zero? Una tendenza in crescita anche a Como Lecco: lo rende noto la Coldiretti interprovinciale alla vigilia del tradizionale fine settimana che, per molte famiglie lariane e lombarde, segna l’accensione degli abeti addobbati in vista del Natale. Anche nelle nostre province sono diversi i produttori che propongono gli abeti natalizi vivi e in vaso:  una tradizione che da oltre cinquant’anni, ad esempio, impegna Bruno Gandola con la sua omonima azienda agricola a Carlazzo, in Val Menaggio.

LEGGI ANCHE Domenica Davide Van de Sfroos a Lecco

Albero di Natale: quello a KM 0 salva i terreni lariani dall’abbandono

Per ottenere un albero d Natale (il prezzo può variare dai 20 euro per quelli di taglia più piccola, fino a 50 e più per quelli più grandi e importanti) Gandola impiega “dieci, anche quindici anni di lavoro: è il tempo che un albero impiega a crescere”.

Nelle aree montane, in particolare, la coltivazione degli abeti svolge un ruolo importantissimo, poiché interessano anche terreni marginali altrimenti destinati all’abbandono e contribuiscono a migliorare l’assetto idrogeologico delle colline ed a combattere l’erosione e gli incendi. Grazie agli alberi di Natale è quindi possibile mantenere la coltivazione in molte aree di montagna con il terreno lavorato, morbido e capace di assorbire la pioggia in profondità prima di respingerla verso valle evitando i pericoli delle frane, mentre la pulizia dai rovi e dalle sterpaglie diminuisce il pericolo d’incendi.

Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como Lecco

 

“Anche la produzione di abeti natalizi è una realtà che merita di essere conosciuta, importante anche dal punto di vista della tradizione e del rispetto dell’ambiente” sottolinea Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como Lecco“Va detto innanzitutto che acquistare alberi naturali significa contribuire ad evitare pericoli di frane e a diminuire il pericolo d’incendi e ad aiutare la nostra agricoltura. L’albero vero è più bello e profumato. Su questo non ci sono dubbi”.

I consigli di Coldiretti per la conservazione dell’albero di Natale

Veniamo ai consigli di Coldiretti per la conservazione. Prima di tutto – spiega l’organizzazione agricola – misurare con cura l’altezza del soffitto di casa per non trovarsi con un albero troppo alto. All’aperto gli alberi sembrano molto più piccoli che all’interno ed il rischio di portare in casa un albero non adatto è molto alto. Una volta prese le misure, e fatto i dovuti accorgimenti, è arrivato il momento di scegliere l’abete.

Al vivaio non andare alla ricerca di un albero perfetto perché ogni esemplare tende ad avere un lato meno ricco di rami nella parte cresciuta verso nord; del resto, si tratta di un albero vivo la cui naturale asimmetria è sicuramente compensata dall’autenticità dello stesso. E se perde gli aghi? Tutte le conifere – sottolinea Coldiretti – tendono a perdere gli aghi nella parte interna dei rami ma questo non significa che l’albero sia vecchio e in ogni caso, per evitare di sporcare macchine e case, chiedere al vivaista di scuotere l’albero per far cadere gli aghi secchi. Una volta a casa? Fondamentale è sistemare l’albero in un luogo luminoso, fresco, lontano da fonti di calore, come stufe e termosifoni e al riparo da correnti d’aria e folate di vento. Spesso la voglia di natale porta ad esagerare negli addobbi:

Evitare addobbi pesanti sull’albero di Natale

Coldiretti Como Lecco consiglia di evitare addobbi pesanti per non spezzare i rami o incurvare l’albero come di non spruzzare neve sintetica e spray colorati. Come conservarlo bello e sano? Mantenendo la terra umida ma non eccessivamente bagnata, anche con l’utilizzo di un nebulizzatore, che potrebbe essere applicato anche ai rami (in assenza di fili elettrici!). E finito il Natale? Un balcone o un bel giardino sono i posti migliori… così sembrerà che la festa non sia mai finita!

La tradizione

Un’ultima curiosità: l’usanza di ornare un albero sempreverde in occasione del Natale è originaria della Germania del VII secolo, dove gli abitanti erano soliti addobbare le querce con pietre colorate che col passare del tempo vennero sostituite con ghirlande, nastri e frutti colorati. Questa pratica venne sempre più collegata alla festività del Natale al punto che si finì per sostituire le querce con gli abeti in quanto, la loro forma triangolare poteva simboleggiare la Santissima Trinità.